teatro napoletano

  • il_teatro_dell_animaAutore: Arnolfo Petri
    Titolo: Il Teatro dell’Anima
    Introduzione: Franco de Ciuceis
    Postfazione: Giuseppina Scognamiglio
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 13,5); 128 pagine
    Luogo, Editore, data: Roma, Bel-Ami, ottobre 2011
    Collana: Il gobbo
    ISBN: 9788896289181
    Prezzo: Euro 15,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Tre atti unici che guardano al mondo interiore e alla diversità. Un vero “teatro dell’anima” che scopre il profondo dei personaggi e dell’uomo: un diplomatico inglese succube di un amore estremo per una cantante musulmana che diventerà la sua Madame B; il rapporto intimo e umano tra un camorrista e un ex-professore omosessuale, rinchiusi nella stessa cella; il gioco al massacro di Acting out.
  • AAA_Immagine_Non_Disponibile_pUn'occasione unica per rivivere il grande teatro comico di Peppino De Filippo.

    Disponibilità: No

     


    richiedi informazioni


     
    Titolo: Don Raffaele 'O Trombone - Cupido scherza e spazza.
    Regista: Romolo Siena
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Anno di produzione: 1962
    Interpreti principali:
    - Don Raffaele 'O Trombone Peppino De Filippo (Raffaele Chianese), Luigi De Filippo (Alfredo Fioretti), Maria Marchi (Amalia), Angela Pagano (Lisa), Mario Castellani (Nicola Belfiore), Enzo Cannavale (il compare), Dante Maggio (Luigi), Elio Bertolotti (Gargiulo).
    - Cupido scherza e spazza Peppino De Filippo (Vincenzo Esposito), Luigi De Filippo (Salvatore), Gennaro Di Napoli (Pascuttella), Dolores Palumbo (Donna Stella), Nuccia Fumo (la "Diavola"), Angela Pagano (Rosina), Luigi Uzzo (Carmine), Nino Di Napoli (Gennarino), Mario Castellani (Don Ferdinando), Gigi Reder (Nicola La Croce), Dante Maggio (Don Giovanni).

    Don Raffaele 'O Trombone: Un povero suonatore di trombone, Raffaele Chianese, crede nella propria genialità di compositore, ma vive in profonda miseria, arrangiandosi a suonare ai matrimoni. Ha sempre rifiutato altri tipi di lavori, perché lo avrebbero privato della sua dignità di artista, così, quando gli giunge in casa un ricco signore che lo scrittura, offrendogli un ricco anticipo, si sente baciato dalla fortuna e rifiuta un "posto" sicuro a portata di mano. Ma la malasorte è in agguato...
    Cupido scherza e spazza: Premiato dal direttore della nettezza urbana per aver restituito del denaro trovato per strada, il netturbino Vincenzo Esposito viene a sapere che il suo superiore Pascuttella ronza attorno a sua moglie Donna Stella. Pascuttella gli spiega che tra lui e Stella c'è solo un amore "plutonico", ma quando sta per convincerlo, entra in scena un suo vecchio creditore che lo picchia e lo minaccia col martello. Vincenzo lo disarma, costringendolo ad andarsene, ma quando la gente del vicolo entra in casa, trova lui con il martello in mano, che incombe sul malconcio Pascuttella. Il suo onore è salvo in ogni caso!

    Al momento non disponibile



    Titolo: Quaranta... ma non li dimostra
    Regista: Romolo Siena
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (don Pasquale), Luigi De Filippo (Bebé), Lidia Martora (Sesella), Grazia Maria Spina (Giulia), Rossella Como (Carmela), Wilma Morgante (Maria), Paola Quattrini (Antonietta), Gianni Agus (Luciano Giacomelli), Pietro Carloni (don Matteo), Dolores Palumbo (donna Giacinta), Pino Ferrara (Alberto), Armida De Pasquale (signora Amalia), Gigi Reder (un garzone).
    Anno di produzione:

    Don Pasquale Di Domenico ha cinque figlie femmine, tutte in età da marito o quasi, perché Sesella, la primogenita, l'ha passata da un pezzo e, anzi, fin da quando è morta la madre, ha finito per fare lei da mamma a tutti. Ora però che la sorella Carmela sta per sposarsi, la sua amara sorte di cenerentola della casa è diventata un vero e proprio cruccio per il padre. Possibile che non ci sia nessuno in giro disposto a offrirle un'altra vita? E se l'uomo giusto fosse quel giornalista che fa salotto tra le sorelle? L'ipotesi matrimoniale cambia Sesella da così a così: tacchi, rossetto e sigaretta rubano il posto a pantofole e vestaglietta. Don Pasquale prepara il fatidico annuncio. Sarà una "luminosa" a spegnere il suo entusiasmo, accendendo però la straordinaria carica umana di don Peppino.

    Al momento non disponibile



    Titolo: L'ospite gradito
    Regista: Romolo Siena
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (Comm. Gervasio Savastani), Luigi De Filippo (Faustino), Lidia Martora (Teresa), Dolores Palumbo (Tina), Grazia Maria Spina (Rosina), Pino Ferrara (Spirito), Edoardo Toniolo (Donati), Gianni Agus (Walter Sotterra), Pietro Carloni (Dott. Botola), Gigi Reder (Felice Sorridente).
    Anno di produzione: 1963

    Il commendator Gervasio Savastani, giunto alla soglia dei cinquantasette anni, vive un'esistenza agiata e tranquilla. Gli affari vanno bene, la figlia è in procinto di sposarsi, la moglie è serena. A rimescolare le carte, ecco piombare in casa un vecchio e carissimo compagno di scuola dal nome inquietante: Walter Sotterra! Gervasio si commuove alla sua storia di perseguitato dall'infamante marchio di menagramo e finisce per accoglierlo in casa con tutti gli onori. Ma prima il futuro genero si rompe una gamba, poi una nave con un prezioso carico fa naufragio, infine la ditta del commendatore va a fuoco, e intanto i fiori del giardino appassiscono. E l'ospite è sempre meno gradito.

    Al momento non disponibile

    SCHEDA TECNICA
    Supporto:dvd
    Tipo:dvd 9
    Durata:97 minuti
    Video:bianco e nero
    Aspect Ratio:4/3
    Audio:Italiano




    Titolo: Miseria bella - I maccheroni
    Regista: Romolo Siena - Andrea Camilleri
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali:
    - Miseria bella (40', BN, atto unico, 1963). Peppino De Filippo (Vittorio), Luigi De Filippo (Eduardo), Pietro Carloni (il portiere), Pino Ferrara (Mela Secca), Daniela Calvino (Giulia).
    Regia televisiva:Romolo Siena.
    - I maccheroni (52', BN, episodio tratto da La carretta dei comici,1970). Peppino De Filippo (Felice Papocchia), Luigi De Filippo (Zanni), Mario Castellani (Celestino), Elio Bertolotti (un signore), Enzo Donzelli (l'impiegato), Giulio Girola (dott. Fusillo), Dante Maggio (l'oste), Rosalia Maggio (1a signora).
    Regia televisiva: Andrea Camilleri..
    Anno di produzione: 1963

    Trattandosi di due atti unici a base di miseria, fame e nobiltà, c'è qualcuno che dubita del risultato ottenuto da un maestro come Peppino De Filippo nel buttare in commedia temi come questi? Può mai essere bella la miseria? E brutto un piatto di maccheroni? La risposta è di rara efficacia comica: freddo natalizio senza nemmeno il conforto del Natale, fame nera assediata da fumi di pasta e fagioli, uomini costretti a digiunare mentre i soliti caporali mangiano senza ritegno, un grande piatto di pastasciutta da dividersi in tre, briganti o somari poco importa. Tanto che al capocomico Felice Papocchia, anche lui come tutti gli altri spesso e volentieri a digiuno, non resta che dire in verità e nobiltà d'arte: "Non siamo saltimbanchi, ma artisti sfortunati!"

    Al momento non disponibile



    Titolo: A Coperchia è caduta una stella
    Regista: Peppino De Filippo
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (Pasquale), Luigi De Filippo (Luigi), Hélène Rémy (Hélène), Angela Pagano (Rosina), Giacomo Rondinella (Alberto), Enzo Petito (don Enrico), Enzo Turco (don Donato), Giacomo Furia (Ciro), Antonella Della Porta (Filomena), Armida De Pasquale (Assunta), Igea Sonni (Carmela), Pino Ferrara (Giovanni), Williams Assandri (il fisarmonicista), Pietro Carloni (Antonio), Enzo Donzelli (Raffaele), Maria Marchi (Clotilde), Peppino De Martino (don Tommaso), Julie Fairhurst (Julie), Giulio Girola (Gastone)
    Anno di produzione: 1963

    A Coperchia si fa vita di paese: il lavoro tra campi e animali, i racconti fantastici della città, Pasquale che scansa ogni fatica, suo fratello Luigi che lavora per tutti e due, le rispettive promesse spose che mettono lingua di qua e di là, il coro dei paesani che commentano questo e quello. Un tran tran fin troppo tranquillo, se un bel giorno non ci cadesse in mezzo una Stella, ovvero una bella bionda con tanto di accento francese, che si trova costretta a chiedere ospitalità ai due fratelli. Pasquale e Luigi, e non solo loro, ovviamente perdono la tramontana...

    Al momento non disponibile



    Titolo: Un ragazzo di campagna
    Regista: Fernanda Turvani
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali: con Peppino De Filippo (Giorgio Paternò), Luigi De Filippo (Pasqualino Paternò), Miriam Pisani (Concetta), Marcello Tusco (Giovanni), Lidia Martora (Margherita Paternò), Pino Ferrara (Vincenzo), Cesare Bettarini (don Gennaro), Alba Cardilli (Lucia), Corrado Olmi (don Alessio), Gabriella Placci (Amalia), Aldo Alori (Enrico Canestrini).
    Anno di produzione: 1959

    Dopo A Coperchia è caduta una stella, Peppino De Filippo ritorna in campagna, a mietere risate semplici e genuine, se non "biologiche", tra scarpe grosse e cervello fino. Come spesso succede ai suoi personaggi, Giorgio Paternò non ha un quattrino, campa alle spalle del fratellastro Pasqualino e si è fatto venire un'idea per cambiar vita. Basta solo che Pasqualino sposi Lucia, figlia del benestante don Gennaro, che a sua volta darà a Giorgio una bella somma di denaro per aver ben coltivato l'unione tra i due ragazzi. Ma, si sa, all'amor non si comanda, Lucia non ne vuol sapere di Pasqualino e il Giorgio del nostro amatissimo Peppino, purtroppo per lui resta senza il becco d'un quattrino.

    IN VERSIONE VHS E DVD
    SCHEDA TECNICA
    Supporto:dvd
    Tipo:dvd 5
    Durata:106 minuti
    Video:Bianco e nero
    Aspect Ratio:4/3
    Audio:Italiano

    Al momento non disponibile



    Titolo: I casi sono due
    Regista: Fernanda Turvani
    Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
    Genere: Commedia
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (Gaetano Esposito), Luigi De Filippo (Gaetano Esposito II), Pino Ferrara (Giuseppe), Alba Cardilli (Maria), M. Adelaide Zaccaria (Carmela), Pietro Privitera (Signor Federico), Cesare Bettarini (Barone Ottavio Del Duca), Gabriella Placci (Baronessa Aspasia), Miriam Pisani (Teresina Monfrecola)
    Anno di produzione: 1959
    Di Armando Curcio (112', b/n, tre atti)

    La commedia è di Armando Curcio, ma Peppino è... Peppino, e lavora di suo sul personaggio di Gaetano Esposito, cuoco del barone Ottavio del Duca, bugiardo matricolato e furbone patentato, ma soprattutto prototipo di quel Pappagone che, anni dopo, regalerà proprio a Peppino uno straordinario successo televisivo. Il caso vuole che proprio il rozzo Gaetano venga elevato al rango di baronetto, allorchè si scopre essere il figlio di una relazione avuta dal barone in gioventù. Ma un altro caso lo riporta da cenerentolo in cucina, quando salta fuori un Gaetano Esposito II, più credibile di lui come pretendente al titolo. Chi tra i due è il vero baronetto?

    SCHEDA TECNICA
    Supporto:dvd
    Tipo:dvd 9
    Durata112 minuti
    Video:Bianco e nero
    Formato video: PAL 1,33/1 4/3 (formato originale televisivo)
    Audio: Dolby digital 2.0 (Dual Mono)
    Lingua: Italiano

    Inserti speciali:
    - Sezione dvd – video: Pappagone tra macchine e poesie, tratto da xPeppino compie cento annix (2003)
    - Sezione dvd – rom: pubblicazione elettronica xIl tratro di Peppino De Filippox. La vita, il palcoscenico, il trionfo in TV, il ricordo di Eduardo

    Al momento non disponibile



    Titolo: Il guardiano (di Harold Pinter)
    (144', b/n, 2 parti, 1976)
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (un vecchio), Ugo Pagliai (un uomo), Lino Capolicchio (un giovane)
    Adattamento e regia di Edmo Fenoglio

    Da Pappagone ad Harold Pinter il passo può sembre a prima vista lunghissimo, ma se cxè uno come Peppino De Filippo tutte le distanze si accorciano e, magari, si annullano in nome di unxarte senza limiti nex confini, a cui servono solo un testo e un palcoscenico per dare vita alla grande magia del teatro. Questo Guardiano è in ogni caso il documento di un Peppino assolutamente inedito per lxepoca, e praticamente introvabile nella programmazione televisiva di oggi. Il personaggio è quello di un vecchio barbone che si fa chiamare Pasquale Scognamiglio mentre in realtà si chiama Ciro Ruotolo. Di lui si sa poco a nulla, ma di cosa in fondo si sa veramente molto?!....... Il Guardiano fu rappresentato per la prima volta nel 1960 allxArts Theatre di Londra. Tra i suoi interpreti inglesi più famosi: Alan Bates, protagonista anche di una trasposizione cinematografica nel 1963, Donald Pleasance e Robert Shaw.

    Con la collaborazione artistica di Luigi De Filippo.

    Al momento non disponibile



    Titolo: Non è vero ma ci credo.
    (108', bn, 3 atti, 1959)
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (Gervasio Savastano), alba Cardilli (Rosina), Corrado Olmi (Donati), Lidia Martora (Teresa Savastano), Pino Ferrara (Malvurio), Pietro Privitera (Sammaria), Cesare Bettarini (Botola), Aldo Alori (Spirito), Pierino Bertello (Musciello), Gabriella Placci (Mazzarella), M.A. Zaccaria (Tina).
    Regia televisiva di Fernanda Turvani

    La superstizione del Commendator Gervasio Savastano non conosce limiti nè pazienza. Corna facendo e rifacendo, tutto sembra congiurare contro di lui e i suoi affari: i venerdì, i gatti neri, quello jettatore patentato del Ragionere Malvurio annidato tra i suoi dipendenti. Savastano non sa più che fare, o forse sì: licenzia Malvurio e mette al suo posto Sammaria, uno che dalla sua ha........ una gobba che promette ogni bene e fortuna. E infatti: basta solo guardarla ed ecco che affari e finanze ripartono a gonfie vele. Sammaria si rivela un vero toccasana per la vita di Savastano, ma potrà toccarne anche la figlia? E se i futuri nipotini dovessero nascere con la gobba anche loro? Nel x53, Peppino ne interpretò anche una divertente trasposizione cinematografica con la sorella Titina e Carlo Croccolo.

    Con la collaborazione artistica di Luigi De Filippo

    DVD
    Specifiche tecniche
    formato video: Pal 1.33:1 4/3
    tipo DVD: DVD 5
    Audio: Dolby digital 2.0 (dual mono)
    Lingua: italiano
    Inserti speciali:
    sezione DVD – Video: Carosello con Peppino
    Sezione DVD – Rom: Pubblicazione elettronica "Il teatro di Peppino De Filippo". La vita, il palcoscenico, il trionfo in tv, il ricordo di Eduardo.

    Al momento non disponibile



    Titolo: Le metamorfosi di un suonatore ambulante.
    (126', b/n, 2 parti, 1971)
    Interpreti principali: Peppino De Filippo (Peppino Sarachino), Luigi De Filippo (Angelino), Angela Pagano (Marilena), Mario Castellani (Don Guglielmo), Annalisa Fierro (Giulia), Angela Luce (Fragoletta), Gennaro Di Napoli (Giovanni Barbettoni), Gianni Nazzaro (Conte Enrico), Vittorio Congia (Conte Sasà), Gigi Reder (Marchese Filippi), Lelia Mangano (Clara).
    Regia televisiva: Romolo Siena.

    Il nostro Peppino, che qui fa di cognome Sarachino, sbarca un lunario precario da suonatore ambulante, facendo trio con le sue due sorelle Marilena e Fragoletta. Almeno finquando un vecchio compagno di palcoscenico non gli propone di rimettersi a recitare, al servizio dell'amore contrastato tra il conte Enrico De Frai e Giulia, sorvegliatissima nipote del ricco don Guglielmo. Peppino inizia così le sue metamorfosi, diventando via via lo stregone Venanzio, una statua raffigurante Giulio Cesare, un bebè capriccioso, e, infine, una mummia egizia....In modo che, tra canti e balli, si finisca con l'annuncio di matrimoni tre Enrico e la sua signorina Giulia, e tra Fragoletta e il conte Sasà Cicci di Soppressata. Un nome che da solo è già un programma!

    Con la collaborazione artistica di Luigi De Filippo

    DVD
    Specifiche tecniche
    formato video: Pal 1.33:1 4/3
    tipo DVD: DVD 5
    Audio: Dolby digital 2.0 (dual mono)
    Lingua: italiano
    Inserti speciali:
    sezione DVD – Video: Pappagone in questura, tratto da:'Peppino compie cento anni' (2003)
    Sezione DVD – Rom: Pubblicazione elettronica  'Il teatro di Peppino De Filippo'. La vita, il palcoscenico, il trionfo in tv, il ricordo di Eduardo.

    Al momento non disponibile

     


    richiedi informazioni

  • AAA Immagine Non Disponibile pGervasoni Gervasoni
    IL TEATRO ITALIANO NEL SETTECENTO.
    Metastasio, Goldoni, Alfieri.
    Un melodramma, due commedie e due tragedie.
    Con introduzioni, note, letture critiche e tavole illustrative fuori testo.
    Seconda edizione.
    Torino, Edizione Libraria Italiana, 1941.
    In 8°; pp. 431; bruniture; lieve spellatura parte sup. del dorso; in ottime condizioni
    Euro 15,50
    1 esemplare disponibile

     


    richiedi informazioni

  • Il_Teatro_Scarpettiano_di_Eduardo_DVD_pTitolo: Il Teatro Scarpettiano di Eduardo
    4 dvd
    Paese, Anno: Italia, 2008
    Disponibilità: Normalmente disponibile
    Produzione: Rai Cinema - Rai Trade - Elledieffe
    Lingua audio: Italiano
    Disponibilità: No 

     


    richiedi informazioni

     

    Il Teatro Scarpettiano di Eduardo De Filippo è una lente d' ingrandimento sul mondo di questo eccellente drammaturgo, sia a livello personale che culturale: il riflesso di Scarpetta sulle scelte registiche dell' uomo Eduardo, il suo legame con le tradizioni del macrocosmo napoletano e il valore culturale che esse rappresentano; un lato 'b' che approfondisce la conoscenza con l' Eduardo personaggio e la sua visione del teatro, quello suo e non. Un ottimo acquisto, non solo per gli appassionati.

  • immaginari antropologici annibale ruccello domenico sabinoAutore: Domenico Sabino
    Titolo: Immaginari antropologici. Annibale Ruccello
    Prefazione: Luigi Maria Lombardi Satriani
    Descrizione: 83 pagine
    Luogo, Editore, data: Rossano (CS), Ferrari Editore, dicembre 2018
    Prezzo: Euro 12,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni



    Il saggio, con la prefazione di Luigi M. Lombardi Satriani, analizza in chiave antropologica il Teatro di Annibale Ruccello, enfant prodige di un’intensa stagione di rinascita della drammaturgia italiana agli inizi degli anni Ottanta. Inoltre, presenta un’intervista a Ruccello (ritrovata presso la Biblioteca Nazionale di Napoli) e KOMOS, partitura poetico-drammaturgica a lui dedicata.
  • l_alfiere_della_scenaAutore: Mario Prisco
    Titolo: L'Alfiere della scena
    Sottotitolo: Il teatro di Roberto Bracco
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15); 184 pagine
    Luogo, Editore, data: Salerno, Oèdipus, 2011
    ISBN: 9788873411369
    Prezzo: Euro 12,50
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni



    L'alfiere della scena ripercorre le tappe della lunga carriera di commediografo di Roberto Bracco (1860-1943): dai folgoranti inizi all'ostracismo del Fascismo che lo indusse ad un silenzio anticipato.
    Egli coniugò la vecchia tradizione teatrale ottocentesca con la temperie di fine secolo e le nuove istanze del Novecento.
  • AAA Immagine Non Disponibile pCroce Benedetto
    LA CANTARINA.
    Commedia musicale di Anonimo napoletano del Settecento.
    Estratto da "Biblion", anno I - fasc. I - 1959
    Napoli, Fausto Fiorentino, s.d.
    In 16°; pp. 75.
    L'opuscolo è la ristampa del manoscritto autografo del Croce, trascrizione di uno dei piu' significativi melodrammi del Teatro napoletano del Settecento; l'opuscolo contiene una riproduzione parziale del manoscritto.
    Euro 13,00
    1 esemplare disponibile

     


    richiedi informazioni

  • La_Lettera_di_Mamma_De_Filippo_GFC_pTitolo: La lettera di mammà.
    Farsa comica in 2 atti di Peppino De Filippo.
    Paese, Anno: Italia, 2007
    Regia: Fabio Gravina
    Principali interpreti: Fabio Gravina, Lelia Mangano De Filippo, Dodo Gagliarde, Luigi Tani, Gianni Cannavacciuolo, Mara Liuzzi, Ferdinando Puglia, Sara Adami, Patrizia Santamaria, Manuela Schiano Lomoriello.
    Tipo: Colore
    Produzione: G.F.C.
    Dati tecnici DVD: 107 min. - PAL Area 2
    Lingua audio: Italiano
    Contenuti extra: Biografia di Peppino De Filippo - Locandina "La lettera di mammà" - Foto d'epoca Compagnia Peppino De Filippo - Estratto del Premio "Peppino De Filippo 2007" - Intervista a Fabio Gravina e Lelia Mangano De Fiiippo - Trailer "Non è vero ma ci credo".
    Prezzo: Euro 15,90
    Disponibilità: Limitata

     


    richiedi informazioni



    Questa farsa venne rappresentata, per la prima volta, al teatro Sannazzaro di Napoli, il 4 gennaio del 1933 ed interpreta dai fratelli De Filippo.
    Narra la vicenda di un nobile impoverito che riesce a far sposare suo nipote alla figlia di un ricco commerciante desideroso di un titolo nobiliare. Dopo il matrimonio, grazie alla lettera, si susseguono una serie di buffe vicende che mettono in crisi la giovane coppia, ma tutto si aggiusta con l'aiuto dello zio che, a sua volta...
  • la_parola_e_la_scena_silvana_matarazzo

    Autore: Silvana Matarazzo
    Titolo: La parola e la scena
    Sottotitolo: Conversazioni con dieci drammaturghi contemporanei e una testimonianza di Toni Servillo
    Prefazione di Antonio Audino
    Descrizione: Volume in formato 8°; 144 pagine
    Luogo, Editore, data: Pieve al Toppo (Ar), Zona
    ISBN: 9788864381879
    Disponibilità: No

     


    richiedi informazioni

    Una delle caratteristiche della drammaturgia italiana contemporanea è il legame della lingua teatrale alla «matrice geografica e soprattutto alla stampo dialettale da cui deriva». Non solo: come le dinamiche sociali italiane vivono in una costante sospensione tra passato legato alla tradizione e futuro proiettato in una dimensione di modernità, così la produzione teatrale assorbe e riproduce questa dialettica fondata sul mondo di ieri e di domani.
  • la_resistenza_teatraleAutore: Marta Porzio
    Titolo: La resistenza teatrale
    Sottotitolo: Il teatro di ricerca a Napoli dalle origini al terremoto
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15);  pagine;  illustrazioni a colori
    Luogo, Editore, data: Roma, Bulzoni, 2011
    Collana: Culture teatrali. N. 12
    Disponibilità:No

     


    richiedi informazioni



    E' a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta che per opera e intuizione di alcuni giovanissimi sovversivi della scena, ha inizio a Napoli un intenso percorso di rottura nei confronti dei codici espressivi imperanti. Un percorso che inizialmente è ancorato alla città e che proprio dal confronto/scontro con la città trae la sua principale ragione d'essere.
  • la_ricevuta_dell_imperatoreAutore: Francesco Senatore
    Titolo: La Ricevuta dell'imperatore alla Cava
    Sottotitolo: Farsa cavaiola
    Descrizione:
    Luogo, Editore, data: Napoli, Dante & Descartes, 2012
    Collana: Studi storici su La Cava
    ISBN: 9788861570443
    Prezzo: Euro 13,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Tra Cinquecento e Settecento gli abitanti di Cava, i cavoti, erano presi in giro come sciocchi, ignoranti, grossolani. Essi divennero i protagonisti di un particolare genere di teatro popolareggiante, le farse cavaiole.
  • la rosa giulio cesare corteseAutore: Giulio Cesare Cortese
    Titolo: La Rosa
    Favola
    Edizione critica, commento e traduzione a cura di Andrea Lazzarini
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 496 pagine; illustrazioni in b/n
    Luogo, Editore, data: Lucca, Maria Pacini Fazzi, 2018
    Collana: 
    ISBN: 9788865506285
    Prezzo: Euro 30,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni



    La Rosa (1621) è la prima opera teatrale composta interamente in napoletano; assieme al Cunto de li Cunti di Giovan Battista Basile, essa è uno dei capolavori della letteratura dialettale seicentesca.
  • la_sacra_famiglia_pennelli_vermeerTitolo: La sacra famiglia
    Tragicommedia musicale in 3 atti
    1 dvd
    Autore/i: I Pennelli di Vermeer
    Interpreti: I Pennelli di Vermeer
    Produzione: Napoli, La Canzonetta
    Anno di produzione: 2010
    Prezzo: Euro 14,00
    Disponibilità: In commercio Michelangelo Nacherino

    Un padre, una madre, un figlio e una figlia, La sacra famiglia, che si confrontano e affrontano in musica gli aspetti più intimi e nascosti della vita familiare di tutti i giorni. Nato dalla creatività di Pasquale Sorrentino - leader dei Pennelli di Vermeer ed autore dei testi, delle musiche e dei dialoghi - uno spettacolo ironico e dissacrante, divertente e tragico che, richiamando alla mente gli indimenticabili GUFI e tutto un panorama di "Teatro-Canzone italiano", mette a nudo argomenti scottanti quali, per esempio, la violenza che si consuma tra le mura domestiche e della quale nessuno ha voglia di parlare.

  • la_voce_delle_maniAutore: Delia Morea
    Titolo: La voce delle mani
    Sottotitolo: Quattro donne in scena: Io e Giovanna - La moglie - Mi chiamo E. - Recita straordinaria
    Prefazione di Enzo Moscato
    Descrizione: Volume in formato 8°; 112 pagine
    Luogo, Editore, data: Napoli, Il Mondo di Suk, luglio 2012
    ISBN: 9788896158043
    Prezzo: Euro 11,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni


    "La voce delle mani" - il titolo scelto per questa raccolta di testi teatrali - richiama alla gestualità del corpo, a un linguaggio che in teatro è fondamentale. Così le mani possono essere vettore d'inquietudine e rappresentare solitudine, disperazione ma anche voglia di riscatto come nel caso delle protagoniste delle quattro pièce.
  • le_donne_di_carlo_goldoniAutore: Giuseppina Scognamiglio
    Titolo: Le donne di Carlo Goldoni tra Venezia e Napoli
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 236 pagine
    Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, 2011
    Collana: La Scrittura Teatrale. Studi e Testi
    ISBN: 9788849522426
    Prezzo: Euro 23,00
    Disponibilita': In arrivo


    Dalla Prefazione:

    Frutto di vari anni di lavoro, questo volume è stato concepito e realizzato nel vivo della vicenda didattica; aspira al rigore della trattazione scientifica, ma coltiva anche l’ambizione di essere un’opera di agevole lettura, uno strumento di sicura utilità, capace di promuovere nei lettori lo stimolo a dialogare con i testi [...].
  • le opere di eduardo de filippo sul palcoscenico greco georgios katsantonisAutore: Georgios Katsantonis
    Titolo: Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco
    Sottotitolo: Tre casi: Teatro d' Arte di Karolos Koun, Teatro Nazionale Greco, Teatro Nazionale della Grecia del Nord
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23 x 15); 124 pagine.
    Luogo, Editore, data: Ilmiolibro self publishing, 2013
    Collana: 
    ISBN: 9788891051691
    Prezzo:
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni



    L’eclettismo di Eduardo De Filippo non poteva non incontrare la culla della civiltà occidentale, la Grecia. Il libro assolve il compito di offrire al lettore una visuale sulla ricezione del teatro di Eduardo De Filippo in Grecia in maniera critica riportando documenti e giudizi critici inediti sul piano storiografico attraverso un percorso mirato che ci porta nei maggiori teatri greci di rilevanza storica e di fama internazionale.
  • AAA Immagine Non Disponibile pMetastasio Pietro.
    MELODRAMMI.
    Didone abbandonata - Attilio Regolo.
    Introduzione e commento di Carlo Bernardi.
    Torino, Unione Tipografico - Editrice, 1926
    Collana: Collezione di Classici Italiani con note
    In 16°; pp. 124; 3 tavole; intonso.
    Euro 11,00
    1 esemplare disponibile

     


    richiedi informazioni

  • Memorie_Artistiche_di_Antonio_Petito_pAutore: S.D.A.
    Titolo: Memorie artistiche di Antonio Petito.
    Presentate e trascritte da Giuseppe A. Pastore.
    Descrizione: Volume in formato 16° (cm 19,5 x 14); 127 pagine.
    Luogo, Editore, data: Lecce, Edizioni del Grifo, gennaio 2006
    Prezzo: Euro 12,00
    Disponibilita': In commercio

     


    richiedi informazioni

    Dalla presentazione di Giuseppe A. Pastore.
    "Memorie artistiche". Come si vede stava scrivendo "la vita". Poi, si è corretto, infatti, non è la storia della vita di Petito. A parte qualche sprazzo è proprio solo la vita artistica. Sono le commedie da lui recitate, le farse da lui scritte, le persone che ha parodiato.
    Ma su tutto vi è l'esaltazione di Napoli, della sua Napoli attraverso la risata di Pulcinella. Un Pulcinella senza gobba, senza pancia deforme, Pulcinella, quello vero, quello che impersonava e rifaceva un poco il verso ai napoletani con i loro meriti e con qualche demerito, con le grandi virtu' di bello e di estetica che derivano dagli antenati greci.
    Non per niente il Celano scrive che Partenope fu fondata da un gruppo di compagni di Enea. E Pulcinella col suo cappello frigio lo ricorda.

  • metamorfosi del vero antonio palermoAutore: Antonio Palermo
    Titolo: Metamorfosi del vero
    Sottotitolo: Otto - Novecento da Leopardi a Totò
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 348 pagine.
    Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, marzo 2016
    Collana: La Scrittura Teatrale. Studi e Testi. N. 24
    ISBN: 9788849531305
    Prezzo: Euro 33,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Metamorfosi del vero [...] è opera d’autore, nella quale Antonio Palermo porta a compimento il progetto di raccogliere in modo organico, distribuendo per nuclei o parti, i saggi e gli interventi scritti secondo le numerose occasioni. Con l’avvertenza, però, che per Palermo le occasioni vanno sempre selezionate sulla base dei propri interessi scientifici e delle ricerche in corso.

  • milleluci del varieta camillo bertucciAutore: Camillo Bertucci
    Titolo: Milleluci del Varietà
    Sottotitolo: I “cavalli di battaglia” del teatro di varietà scelti da Rosalia Maggio e Dalia Frediani.
    Descrizione: Volume in formato 8°; 111 pagine; 2 foto in b/n
    Luogo, Editore, data: 
    Collana: 
    ISBN: 
    Prezzo: Euro 16,00
    Disponibilità: Limitata

     


    richiedi informazioni

     

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.