Nadia Verdile

Nadia Verdile, docente di Italiano e Storia nella scuola superiore, collabora con la Fondazione Valerio per la Storia delle Donne, con la Colorado State University per il progetto Female Biography Project, con l’Enciclopedia Treccani per il Dizionario biografico degli italiani. Membro della S.I.S (Società Italiana delle Storiche) e della SISEM (Società Italiana Storia dell’Età Moderna). Giornalista pubblicista, scrive per Il Mattino. Prima a leggere in chiave di genere lo Statuto di San Leucio, da anni si occupa di gender studies. Ultimi libri: Maria Luisa, la duchessa infanta. Da Madrid a Lucca, una Borbone sullo scacchiere di Napoleone, Lucca 2013 (in corso di stampa); Abbiamo perduto la bussola! Lettere da Capri di Ferdinando IV a Maria Carolina, Pisa 2010; Utopia sociale, utopia economica. L’esperienza di San Leucio e New Lanark, Roma 2009; Letteratura, sostantivo femminile. Scrittrici del XX secolo rapite dalle Storie della Letteratura italiana, Roma 2009; Un anno di lettere coniugali, Caserta 2008; L’utopia di Carolina. Il Codice delle leggi leuciane, Napoli, 2007. Nel 2011 ha ricevuto il Premio “La Terza Napoli – La città che eccelle” – con la seguente motivazione: “Nadia Verdile, giornalista, studiosa di questioni di genere, da anni impegnata nella ricerca storica dedicata alle donne, ha portato alto il nome della Campania fuori dal circuito locale, collaborando con l’università del Colorado per la scrittura della Female Biography e con la Fondazione Valerio di Napoli per il recupero della storia delle donne nel meridione d’Italia. Le sue numerose pubblicazioni hanno donato fasci di luce in una parte della storia spesso dimenticata».
  • abbiamo perso la bussola nadia verdileAutore: Nadia Verdile
    Titolo: Abbiamo perso la bussola!
    Sottotitolo: Lettere da Capri di Ferdinando IV a Maria Carolina
    Descrizione: Volume in formato 8°; 92 pagine; illustrato
    Luogo, Editore, data: Pisa, Edizioni Il Campano
    Collana: 
    ISBN: 9788865280102
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni


    Queste lettere di Ferdinando, re di Napoli, rinvenute da Nadia Verdile e trascritte con la curiosità e l’attenzione di un’appassionata ricercatrice - ha scritto nella sua introduzione Raffaele La Capria - sembrano più che le lettere di un marito alla moglie quelle di un figlio alla mamma.
  • all'ombra della corte mirella mafriciCuratrice: Mirella Mafrici
    Titolo: All'ombra della corte
    Sottotitolo: Donne e potere nella Napoli borbonica (1734-1860)
    Descrizione: Edizione in formato 8° (cm ); pagine; illustrazioni
    Luogo, Editore, data: Napoli, Fridericiana, 2010
    Collana: Donne e potere a Napoli
    ISBN: 97888
    Prezzo: Euro 115,00 in edizione rilegata
    Euro 90,00 in brossura
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

     

  • LA REGGIA DI CARDITELLO. Tre secoli di Fasti e Feste, Furti ed Aste, Angeli e Redenzioni - Nadia VerdileAutore: Nadia Verdile
    Titolo: La Reggia di Carditello - The Royal Palace of Carditello
    Sottotitolo: Tre secoli di Fasti e Feste, Furti ed Aste, Angeli e Redenzioni 
    Sintesi in lingua inglese
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 224 pagine; 50 illustrazioni a colori; peso: Kg 0,8
    Luogo, Editore, data: Capodrise (CE), Ventrella, 2014
    ISBN: 9788890838989
    Disponibilità: No

     


    richiedi informazioni

    Il libro, diviso in tre momenti essenziali, racconta con dovizia di dettagli e rigore scientifico, la vicenda della Tenuta reale di Carditello, in provincia di Caserta. Voluta da Carlo di Borbone alla metà del Settecento, divenne luogo di sperimentazione agricola e di fasti con Ferdinando IV. 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.