Maria Vittoria Spissu

MARIA VITTORIA SPISSU ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell'arte moderna all'Università di Bologna, occupandosi di problemi legati alla produzione dei retabli pittorici in ambito mediterraneo con la tesi di specializzazione Sulle tracce di Roberto Longhi. Comprimari spagnoli in Sardegna nella prima metà del Cinquecento? È stata professore a contratto nel Corso di laurea in Economia dei mercati e dei sistemi turistici presso la Facoltà di Economia di Rimini e ha collaborato alla didattica nei corsi di Storia dell'arte moderna presso il Dipartimento Arti visive di Bologna, la Facoltà di Conservazione dei beni culturali di Ravenna e il Dipartimento di Scienze dei linguaggi dell'Università di Sassari. Attualmente è borsista dell'International Studies Institute di Firenze in New Renaissance studies.
  • IL MAESTRO DI OZIERI. Le inquietudini nordiche di un pittore nella Sardegna del Cinquecento - Maria Vittoria Spissu

    il maestro di ozieri maria vittoria spissuAutore: Maria Vittoria Spissu
    Titolo: Il Maestro di Ozieri
    Sottotitolo: Le inquietudini nordiche di un pittore nella Sardegna del Cinquecento
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23 x 15); 436 pagine; illustrazioni a colori ed in b/n
    Luogo, Editore, data: Padova, Il Poligrafo, 2014
    Collana: Biblioteca di arte
    ISBN: 9788871158358
    Prezzo: Euro 30,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Nel Goceano e Monteacuto, zone remote e assai defilate della Sardegna cinquecentesca, videro la luce alcuni dei dipinti più enigmatici della pittura mediterranea. Per niente iberici e polemicamente rivolti alla maniera moderna italiana, essi aprono una serie di interrogativi sulla provenienza del loro artefice, per convenzione chiamato Maestro di Ozieri.
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.