Letizia Isaia

Letizia Isaia è nata e vive a Napoli. E' poetessa, è scrittrice ed inventrice di alcuni Generi Letterari che di seguito si elencano assieme ai libri di testo con cui sono nati: nel 1981 ha pubblicato con prefazione di Domenico Rea, il Testo "Napoli Dentro e Fuori" Edizioni Sen dando vita al "Genere Letterario" Italiano/Napoletano; nel 1982 ha scritto "La Nuova Cultura del Mezzogiorno" che ha pubblicato nel 1999 per le Edizioni V. Pironti ed ha dato vita al "Genere Letterario" Narrativa/Saggistica; nel 1987 ha pubblicato "La Maisonette" raccolta iconografica - Stampa M. Rafone; nel 1991 pubblica "Isaia in Rivisitazioni La Nuova Gerusalemme" Edizioni Stagrame - Uno Studio Sulla Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso - trattasi di una raccolta iconografia e contemporaneamente realizzata ed espone brani su tela, una rivisitazione della Gerusalemme Liberata e da' via al Genere Letterario - "Poesia e Prosa Espositiva Itinerante". Per tutte le sue invenzioni e per il suo curriculum nel 2001, l'Associazione culturale Centro Storico istituisce il Premio Letterario Letizia Isaia che oggi è alla sua quinta Edizione. E' vincitrice di numerosi Premi Letterari, tra i. quali il Premio Elsa Morante - Isola di Arturo - Anno 1999.
  • Enea_Parla_Napulitano_pAutore: Letizia Isaia
    Titolo: Enea parla napulitano.
    Rivisitazione in italiano e traduzione italiano/napoletano dell'Eneide di Virgilio.
    Prefazione di Ermanno Corsi
    Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 21 x 15); 120 pagine.
    Luogo, Editore, data: Napoli, Luciano, maggio 2008
    Prezzo: Euro 14,00
    ISBN: 886026071
    ISBN13: 9788860260710
    Disponibilita': in commercio

     


    richiedi informazioni



    È piu' intrigante un Enea che parla «napolitano» o un Enea che parla al «femminile»?. Dilemma facilmente risolvibile perché questa rivisitazione del poema virgiliano e del suo eroe, è un gioco, un divertissement intellettuale. Cosi' Letizia Isaia presenta il proprio lavoro con un Enea che si cala nel lessico partenopeo, lui che pure conosceva i luoghi della Campania, e che si lascia volentieri interpretare da una donna (per altro collaudata a questi giochi intellettuali come ha dimostrato con la rielaborazione della Gerusalemme liberata).
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.