Francesco Divenuto

Francesco Divenuto svolge la sua attività di ricercatore confermato presso il Dipartimento di Storia dell'architettura e Restauro dell'Università di Napoli. Ha pubblicato saggi sui problemi di recupero dei Centri Storici minori e sulla Storia dell'architettura del Settecento napoletano; collabora a varie riviste tra le quali si ricordano « Napoli Nobilissima», «Restauro» e « Nord e Sud». Da tempo svolge un'approfondita ricerca sull'architettura della Compagnia di Gesù a Napoli.
  • CampaniaBaroccapCuratore: Gaetana Cantone
    Titolo: Campania barocca.
    Testi di: Gaetana Cantone, Antonio Braca, Pier Luigi Ciapparelli, Ilia Delizia, Luciana Di Lernia, Francesco Divenuto, Antonio Sauro.
    La campagna fotografica di BAMS photo è stata realizzata da Basilio e Matteo Rodella.
    Collana: Patrimonio artistico italiano.
    Descrizione: Edizione rilegata in tela con sovraccoperta illustrata; in 8°; pp. 336; 392 illustrazioni di cui 232 a colori
    Luogo, Editore, data: Roma, Jaka Book
    Prezzo: Euro 65,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

     

    Dagli inizi del Seicento fino alla metà del Settecento la cultura architettonica ed artistica napoletana, pur richiamandosi al Barocco romano, esprime una grande autonomia linguistica; si diffonde, oltre che nei centri campani, in vari ambiti culturali come il Salento e l'Abruzzo e si intreccia con le ricerche del Settecento siciliano, rimanendo sempre in costante dialogo con il Barocco europeo.

  • napoli_sacra_del_xvi_secoloAutore: Francesco Divenuto
    Titolo: Napoli sacra del XVI secolo
    Sottotitolo: Repertorio delle fabbriche religiose napoletane nella cronaca del gesuita Giovan Francesco Araldo
    Descrizione: Volume rilegato in tela, con titoli in oro sul dorso, con sovraccoperta illustrata, in formato 8° (cm 24 x 17);  pagine: XXXII+320; 112 illustrazioni in b/n fuori testo
    Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, 1990
    ISBN: 8871045629
    Prezzo: Euro 51,65
    Prezzo librerianeapolis: Euro 50,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Nella seconda metà del XVI secolo l'edilizia religiosa napoletana si presenta con una gerarchia di istituzioni ognuna delle quali copre un preciso ruolo nell'organizzazione religiosa, sociale ed assistenziale della città. A questa complessa realtà napoletana guarda con interesse speculativo il gesuita Giovan Francesco Araldo quando, nel 1595, scrive la sua Cronica passando in rassegna circa cinquant'anni di storia della Compagnia cominciando dal 1592, anno in cui i Gesuiti realizzano la loro sede napoletana. Nel suo manoscritto il gesuita analizza, in particolare, i momenti significativi della storia di queste istituzioni ed il loro rapporto con la struttura sociale napoletana.
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.