Luigi Reina

Luigi Reina é professore ordinario di Letteratura italiana presso l'Università degli Studi di Salerno. Ha pubblicato numerosi volumi di storiografia e critica letteraria e svolge attività militante su riviste e giornali. Tra gli studi più recenti: L'artifcio e !'idea (1981), II viaggio della Demetra (1982), Invito alla poesia (1993), Corrado Alvaro (1994), Dalla fucina di Partenope (1996), Il filo di Arianna (1997). Ha curato, tra gli altri, i seguenti testi: G. Berchet, Lettera semiseria (1991), V. Padula, II mio primo amore (1995), B. Miraglia, Il brigante (1996), N. M. Salerno, Novelle (1996). E' autore di un romanzo e di vari racconti.
  • FERDINANDO RUSSO. Popolarità, dialetto, poesia - Luigi Reina

    FERDINANDO RUSSO. Popolarità, dialetto, poesia - Luigi ReinaAutore: Luigi Reina
    Titolo: Ferdinando Russo
    Sottotitolo: Popolarità, dialetto, poesia
    Descrizione: Volume in formato 16° (cm 17 x 11); 105 pagine; fioriture nella parte interna delle copertine
    Luogo, Editore, data: Napoli, Ermanno Cassitto Editore, 1983
    Collana: La Faglia (Medaglioni Napoletani dall'Unità ad oggi)
    ISBN: 
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: Limitata

     


    richiedi informazioni

  • MASUCCIO SALERNITANO. Letteratura e società del "Novellino" - Luigi Reina

    masuccio_salernitanoAutore: Luigi Reina
    Titolo: Masuccio Salernitano.
    Sottotitolo: Letteratura e società del "Novellino"
    Terza edizione.
    Descrizione: Volume rilegato, con titoli e fregi in oro sul dorso, in cofanetto, in formato 8° (cm 21 x 14); 268 pagine.
    Luogo, Editore, data: Salerno, Edisud, 2002
    ISBN: 88-87907-24-2
    Prezzo: Euro 25,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    A lungo considerato, secondo un’indicazione del Settembrini, frutto della cultura aragonese di Napoli, Il Novellino di Masuccio Salernitano viene sottoposto a un’indagine che fa emergere una sua duplice ascendenza genetica: dalla tradizione novellistica toscana (Boccaccio soprattutto) e dalla civiltà del Principato di Salerno colta in anni di grandi incertezze e di profonde trasformazioni.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.