Lucio Militano

Lucio Militano è nato a Napoli nel 1949. Ingegnere navale e meccanico, è stato dirigente in importanti imprese industriali. Attualmente è libero professionista nel settore della cantieristica navale e vive a Rimini.
  • LA MARINA MERCANTILE DELLE DUE SICILIE - Lucio Militano

    la marina mercantile delle sue sicilie lucio militanoAutore: Lucio Militano
    Titolo: La Marina Mercantile delle Due Sicilie
    Sottotitolo:
    Descrizione: Volume in formato 8°; 96 pagine; 8 immagini a colori
    Luogo, Editore, data: Napoli, Editoriale Il Giglio, 2017
    Collana: Le Sensiglie. N. 4
    ISBN: 
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni


    Frutto di conoscenza diretta delle tecniche marittime e di passione per la ricerca storica, il saggio ripercorre lo sviluppo della Marina Mercantile delle Due Sicilie sin dall’inizio del Regno, considerandone tutti gli aspetti.

    Il testo è corredato da 9 tabelle di dati sul tonnellaggio, il trasporto di merci, il numero di  viaggi effettuati, le Compagnie di navigazione, le navi e le rotte servite, il confronto con le marinerie degli altri Stati europei e completato da un glossario dei termini tecnici e dall’excursus delle principali date.

  • LE DUE SICILIE NELLE AMERICHE - Lucio Militano

    LE DUE SICILIE NELLE AMERICHE - Lucio MilitanoAutore: Lucio Militano
    Titolo: Le Due Sicilie nelle Americhe
    Descrizione: Volume in formato 8°; 48 pagine; 8 illustrazioni a colori che riproducono celebri rappresentazioni artistiche e immagini d’epoca delle navi battenti la bandiera gigliata
    Luogo, Editore, data: Napoli, Editoriale Il Giglio, 2019
    Collana: Le Sensiglie
    ISBN: 
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Sin dal 1700, le navi a vela, prima, e a vapore, poi, delle Due Sicilie, solcavano l’Oceano Atlantico, per portare carichi di manufatti e di derrate alimentari nelle due Americhe. La maestria di comandanti e marinai napolitani veniva provata dalla rapidità delle traversate e dal perfetto armamento delle navi.

    Commerci fiorenti e sempre in crescita, relazioni diplomatiche di grande rilievo internazionale avviati da una politica lungimirante, rapporti dinastici intessuti attraverso matrimoni, mai dettati dalla cinica ragion di Stato ma dall’unione di famiglie e di anime. Questi erano i legami tra le due sponde dell’Oceano, quando Napoli era capitale del Regno e i Re Borbone sedevano sul trono.

    E l’arrivo delle navi gigliate nei porti di New York, Boston, Pernambuco, Bahia, Rio de Janeiro suscitava tale interesse da essere annunciato dalla stampa, ora per celebrare un record, ora per descrivere la maestosità del naviglio militare di scorta alla nuova Imperatrice.
    Qualche decennio dopo, su quelle stesse rotte, cominceranno a navigare i bastimenti carichi di valigie di cartone e di lacrime. Ma questa è un’altra storia.

    Frutto di conoscenza diretta delle tecniche marittime e di passione per la ricerca storica, il breve saggio ripercorre i rapporti tra le Due Sicilie e i Paesi d’oltre Oceano, che furono intensi sia sul piano commerciale che politico.

     


    richiedi informazioni

  • LE FERROVIE DELLE DUE SICILIE - Lucio Militano

    le ferrovie delle due sicilie lucio militanoAutore: Lucio Militano
    Titolo: Le ferrovie delle Due Sicilie
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23 x 15); 60 pagine; 8 immagini a colori
    Luogo, Editore, data: Napoli, Editoriale Il Giglio, 2013
    Collana: 
    ISBN: 
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    È vero, nei libri di storia si ricorda che la prima ferrovia italiana fu la Napoli-Portici, del 1839: del resto sarebbe innegabile. Ciò nonostante, questo non viene considerato un vanto del Regno napoletano, segno di sviluppo tecnico e culturale nonché di lungimiranza politica, poiché si conclude sempre che quei primi binari furono solo l'eccentrico e costoso trastullo del Re Ferdinando di Borbone e della sua Corte. Infatti, si aggiunge, all'unificazione d'Italia il Sud era arretrato e negletto nelle ferrovie come nel resto.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.