Gregorio Rubino

Gregorio E. Rubino insegna a Napoli Storia dell’architettura presso l’Università degli Studi “Federico II” e Archeologia Industriale presso l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”. E’ stato vice-presidente dell’AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale) ed è socio del TICCIH (The International Committee for the Conservation of the Industrial Heritage). Si occupa, in particolare, di architettura e archeologia del lavoro, con una ricca produzione di saggistica storica di cui ricordiamo i volumi più significativi: Archeologia Industriale e Mezzogiorno, M.Giuditta Editore, Roma 1978; Le Fabbriche del Sud. Architettura & Archeologia del lavoro, Giannini Ed., Napoli 2004 (II ediz.); Costruttori di Opifici / Millwrights. Architetture del lavoro fra tradizione e innovazione, Giannini Ed., Napoli 2005; Le Cartiere di Amalfi. Paesaggi protoindustriali del Mezzogiorno, Giannini Ed., Napoli 2006; Architetture e città. Antologia meridionale: Calabria e Campania, Giannini Ed., Napoli 2008.
  • le_fabbriche_del_sudAutore: Gregorio E. Rubino
    Titolo: Le Fabbriche del Sud
    Sottotitolo: Architettura e Archeologia del Lavoro. 1861 - 2011
    Terza edizione
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 28 x 21); 365 pagine; 280 illustrazioni a colori ed in b/n
    Luogo, Editore, data: Napoli, Giannini, luglio 2011
    ISBN: 9788874315277
    Prezzo: Euro 32,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Il rapporto fra spazio produttivo e sviluppo tecnologico, architettura industriale e macchinismo, forma e funzione degli spazi del lavoro nel Mezzogiorno italiano, al tempo della prima industrializzazione, sono gli argomenti raccolti in questa nuova antologia del volume, che conserva un interesse particolare per il territorio campano e l'area napoletana.
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.