Giuseppe Clemente

  • Brano_dell_Istoria_del_Brigantaggio_pAutore: Tommaso La Cecilia
    Titolo: Brano dell'istoria del brigantaggio di Capitanata e Basilicata dal 1861 al 1864.
    Edizione critica e note a cura di Giuseppe Clemente.
    Presentazione di Raffaele Nigro.
    Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 21x 15); 341 pagine.
    Luogo, Editore, data: Foggia, Edizioni del Rosone "Franco Marasca", 2008
    Prezzo: Euro 25,00
    ISBN13: 9788887514407
    Disponibilita': in commercio

     


    richiedi informazioni




    Diario controverso sul quale confluirono gia' nel 1985 le attenzioni di ben quattro studiosi, Antonio Motta che lo scopri', Tommaso Nardella che ne curò l'edizione e un minimo di apparato di note, Raffaele Colapietra che lo accompagnò con una postfazione critica e storicamente circostanziata e Leonardo Sciascia che introduceva all'argomento invitando registi e uomini di cinema a guardare a opere come questa per raccontare la storia del sud, il diario di Tommaso La Cecilia trova definitiva sistemazione nella curatela di Giuseppe Clemente, il quale restituisce, tra l'altro, a quello che fu battezzato col titolo A caccia di briganti in terra di Puglia, (Manduria, Lacaita Editore) anche il suo titolo originario: Brigantaggio dal 1861 al 1864.
  • il brigantaggio in capitanata giuseppe clementeCuratore: Giuseppe Clemente
    Titolo: Il Brigantaggio in Capitanata.
    Sottotitolo: Fonti documentarie e anagrafe, 1861 – 64.
    Descrizione: 
In 8°; pp. 472.
    Luogo, editore, data: Roma, Archivio Guido Izzi, 1999.
    Prezzo: Euro 27,00
    Disponibilità: In esaurimento

     


    richiedi informazioni

    "Dopo l’unità d’Italia, proclamata con il plebiscito del 21 ottobre 1860 ma ufficializzata il 17 marzo 1861, una tragedia di grandi proporzioni si apprestava a sconvolgere il Mezzogiorno. In breve tempo una vera e propria guerra civile causò danni, lutti e nefandezze. Tale esplosione di eventi andò sotto il nome di “brigantaggio”. Molteplici furono le ragioni che causarono questo disagio sociale: mancanza di lavoro, arretratezza della società, vendette personali; tutto ciò fa riflettere su come il brigantaggio poté diffondersi repentinamente.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.