Giovanni Capasso

Giovanni Capasso, ingegnere napoletano classe 1956, è stato l’ultimo assunto del centro siderurgico di Bagnoli. Responsabile dell’Archivio storico e dell’Infobox (purtroppo distrutto), tra i soci fondatori del Circolo Ilva Bagnoli, è passato dall’Italsider a Bagnoli Spa alla Bagnolifutura, fino al fallimento del progetto – e del sogno – di rilancio della grande area dismessa, simbolo dell’industrializzazione napoletana. Personalità eclettica ed entusiasta, ha unito la sua passione per il mare a quella per l’archeologia industriale, lavorando a numerose iniziative. È il protagonista del cortometraggio L’ultimo rimasto in piedi (2002) di Ugo Capolupo e compare tra i personaggi della Dismissione di Ermanno Rea, romanzo nato tra le “carte” dell’archivio di Bagnoli.
  • BAGNOLI. L’ULTIMO CASCO GIALLO - Giovanni Capasso

    BAGNOLI. L’ULTIMO CASCO GIALLO - Giovanni CapassoAutore: Giovanni Capasso
    Curatore: Giuseppe Pesce
    Titolo: Bagnoli. L’ultimo casco giallo
    Sottotitolo:
    con un’intervista a Ermanno Rea
    Descrizione: Volume in formato 16° (cm 17 x 12); 176 pagine; illustrato
    Luogo, Editore, data: Casoria (NA), Martin Eden, giugno 2020
    Collana: Tempi. N. 7
    ISBN: 9788832064131
    Prezzo: Euro 12,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Cos’è accaduto a Bagnoli negli ultimi trent’anni? Dall’ultima colata nel 1990 ai grandi progetti, fino al fallimento della Bagnolifutura. Cantieri, bonifiche, polemiche, occasioni perdute.
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.