Federica Ribera

Federica Ribera, architetto, dottore di ricerca in Ingegneria per il Recupero Edilizio e l'innovazione Tecnologica, gia' professore a contratto presso l'Universita' degli Studi di Trieste (1999) e presso l'Universita' degli Studi di Napoli Federico II (2001) attualmente (2003) svolge attivita' di ricerca scientifica presso il Dipartimento di Ingegneria Civile dell'Universita' di Salerno.
Studiosa di problematiche di Architettura Tecnica, ha da tempo indirizzato la sua attivita' di ricerca verso le tematiche del recupero edilizio ed urbano, affrontate partendo dalla riscoperta degli antichi modi del costruire.
Tra le principali pubblicazioni si ricordano: Manuale del recupero delle antiche tecniche costruttive Napoletane (CUEN 1993; CLEAN 1996); Le coloriture dell'edilizia storica napoletana. Metodi e strumenti per il progetto di manutenzione (Luciano, 2002); Costruito storico e recupero tra citta' e periferia (CUES 2002).
  • Santa Teresa DI MASSA LUBRENSEAutore: Federica Ribera
    Titolo: Santa Teresa a Massa Lubrense.
    Sottotitolo: Un monastero di clausura tra storia e restauro.
    Descrizione: Volume in 8° oblungo (cm 21 x 23 ); pp. 176; moltissime illustrazioni in b/n e a colori, nel testo e fuori testo
    Luogo, Editore, data: Napoli, Arte Tipografica, 2003
    Disponibilita': No

     


    richiedi informazioni

    Quale significato ha, oggi, un monastero di clausura? Uno scrigno del senso religioso, ma anche la custodia di cose smarrite nella nostra memoria: strani chiavistelli in ferro battuto, le ruote, un torchio per i medicinali, un pavimento di lastroni di pietra, una serie di spoglie celle, una profonda buia sorgente, e poi lunghi, luminosi corridoi dove la luce si smorza in un susseguirsi di bianche volte a crociera....

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.