Cristiana Anna Addesso

  • che somma sventura è nascere a napoliAutori: Cristiana Anna Addesso, Rosario Mastriani, Emilio Mastriani
    Titolo: Che somma sventura è nascere a Napoli!
    Sottotitolo: Bio-bibliografia di Francesco Mastriani
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 404 pagine;  illustrazioni a colori
    Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, 2012
    Collana: Meridionalia. N. 2
    EAN: 9788854853614
    Prezzo: Euro 24,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    L'opera di Francesco Mastriani (Napoli, 1819-1891), romanziere d'appendice, giornalista letterario, critico ed autore di teatro, costituisce un caso nella Napoli ottocentesca in quanto a continuità, eterogeneità e quantità. Questo volume ne offre uno studio bio-bibliografico, prendendone in esame la produzione narrativa costituita da oltre cento romanzi, la scrittura giornalistica ed il teatro.
  • FRANCESCO MASTRIANI A TEATRO - Cristiana Anna AddessoAutore: Cristiana Anna Addesso
    Titolo: Francesco Mastriani a Teatro
    Descrizione: Volume in formato 8°; 170 pagine
    Luogo, Editore, data: Napoli, Fridericiana, 2011
    ISBN: 9788883380792
    Prezzo: Euro 16,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    La narrativa di Francesco Mastriani e la sua altrettanto inesausta scrittura giornalistica aprono numerose parentesi sulla realtà teatrale napoletana, spaziando dalla prosa alle filodrammatiche ai «casotti» popolari, dalla musica classica alla danza al bel canto. Il teatro è per Mastriani un valido strumento per trasmettere al popolo «principi di civiltà e di morale», «coltivando lo spirito, e nutrendo il cuore di be’ sentimenti».
  • i_volti_di_partenope_addessoAutore: Cristiana Anna Addesso, Vincenzo Caputo, Pasquale Sabbatino
    Titolo: I volti di Partenope
    Sottotitolo: La drammaturgia napoletana del Novecento da Bracco a De Simone
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 120 pagine
    Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, 2013
    Collana: Meridionalia. N. 4
    ISBN: 9788854860117
    Prezzo: Euro 10,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    La drammaturgia napoletana tra secondo Ottocento e Novecento è stata in questi anni al centro di progetti di ricerca e di convegni internazionali promossi dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e dal Master di II livello in Letteratura, scrittura e critica teatrale.
  • novelle scene e racconti di francesco mastrianiAutore: Francesco Mastriani
    Curatrice: Cristiana Anna Addesso
    Titolo: Novelle Scene e Racconti di Francesco Mastriani.
    Sottotitolo: Con appendice di testi inediti
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 412 pagine
    Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, 2012
    ISBN: 9788854846340
    Prezzo: Euro 23,00
    Disponibilita': In commercio

     


    richiedi informazioni


    Nel 1867 Francesco Mastriani raccoglie in volume, con il titolo Novelle Scene e Racconti, alcuni scritti già apparsi nelle “rubriche” dei periodici letterarî ai quali aveva collaborato tra gli anni Trenta e Cinquanta dell’Ottocento. In questo materiale narrativo magmatico si collocavano, accanto a “novelle”, “scene” e “racconti”, anche “caricature”, “ritratti”, “fisiologie” e “varietà”.
  • teatro_e_festivita_napoli_aragoneseAutore: Cristiana Anna Addesso
    Titolo: Teatro e festività nella Napoloi aragonese
    Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); X + 172 pagine
    Luogo, Editore, data: Firenze, Olschki, 2012
    Collana: Biblioteca dell’«Archivum Romanicum». Serie I, vol. 400
    ISBN: 9788822261588
    Prezzo: Euro 24,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Il volume nasce dall’esigenza di assegnare una collocazione storico-critica e filologica alle molteplici forme della teatralità che caratterizzarono Napoli aragonese. Non essendo mancate in sede storico-critica discutibili affermazioni sulla presunta occasionalità delle farse aragonesi e sulla marginalità della componente letteraria nei complessi apparati festivi di Napoli aragonese, si intende dunque riaccendere i riflettori su quella che appare invece come una spettacolarità assai variegata (dal primo ingresso di Alfonso d’Aragona nel 1421 all’incoronazione di Alfonso II nel 1495), calata in spazi pubblici e privati, in cui è fondamentale rilevare la dimensione unitaria della festa e le valenze politiche e diplomatiche cui la componente letteraria va ricondotta.
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.