Chiesa di Santa Chiara

  • Il_Chiostro_Grande_pAutore: Guido Donatone, Vincenzo Pacelli, Renato Ruotolo
    Titolo: Il Chiostro Grande del Monastero di Santa Chiara.
    Descrizione: Volume rilegato, con sovracoperta, in formato 4° (cm 30 x 24), in cofanetto rigido; 190 pagine; 54 illustrazioni in b/n e 51 a colori
    Luogo, Editore, data: Cava de' Tirreni (SA), Di Mauro ed.

    Disponibilita': No

     


    richiedi informazioni

     

    In "Vita e immagini del chiostro", Ruotolo delinea la storia del complesso conventuale dall'epoca angioina fino all'Ottocento, quando le Clarisse lo cedettero ai Francescani trasferendosi nell'annessa clausura.
    Pacelli illustra il ciclo di affreschi seicenteschi del chiostro grande, assegnandoli in parte a Gennaro Pierro, una personalita' restituita dalla documentazione archivistica, e a un ignoto maestro attivo nella prima meta' del secolo XVII.

  •  

    Il_Pantheon_dei_Borboni_in_santa_chiara_di_napoliAutore: Padre Gaudenzio dell'Aja
    Titolo: Il Pantheon dei Borboni in Santa Chiara di Napoli
    Presentazione di Urbano Cardarelli.
    Descrizione: Edizione In formato 4° (cm 30 x 22); legatura editoriale in tela con sovraccoperta illustrata; pp. VIII + 444; 149 illustrazioni in b/n e a colori + 2 piante ripiegate con progetto delle cappelle e tombe reali.
    Luogo, Editore, data: Napoli, Giannini, 1987
    Prezzo: Euro 60,00
    Disponibilita': Limitata

     


    richiedi informazioni

     Come è noto la basilica di Santa Chiara in Napoli fu fondata nel 1310 da Roberto d'Angiò, di quella dinastia che per prima rese Napoli capitale di un regno che comprendeva la Sicilia e l'Italia meridionale. Era quindi naturale che proprio questa chiesa venisse prescelta per accogliere, in magnifici monumenti celebrativi, le spoglie dei re e dei principi della casa d'Angiò, a cominciare dalla piccola Luisa, figliuola di Carlo di Calabria e di Maria di Valois (1325). Ricordava a tal proposito il Bertaux, fra i primi studiosi dell'arte medioevale nel Mezzogiorno: «a partir du jour ou' elle recut le tombeau de la petite fille de Robert, la princesse Louise de Calabria, l'église de Santa Chiara devint le Saint Denis de la Maison d'Anjou ». 

  • LA CHIESA E IL CONVENTO DI SANTA CHIARA - Francesco Aceto, Stefano D'Ovidio, Elisabetta SciroccoCuratori: Francesco Aceto, Stefano D'Ovidio, Elisabetta Scirocco
    Titolo: La chiesa e il convento di Santa Chiara
    Descrizione: Volume in formato 8°; copertina rigida; 490 pagine; peso: Kg 0,650
    Luogo, Editore, data: Salerno, Laveglia & Carlone, 2014
    ISBN: 9788886854184 978-8886854184 8886854188
    Prezzo: Euro 45,00
    Disponibilità: In commercio

     


    richiedi informazioni

    Nel volume sono stati esaminati il rapporto del convento con la città, le cause che hanno determinato la forma della chiesa, l'allestimento degli arredi e la caratterizzazione iconografica dei programmi figurativi.

  • Per_la_Storia_del_Monastero_pAutore: Padre Gaudenzio dell'Aja
    Titolo: Per la storia del Monastero di Santa Chiara in Napoli
    Presentazione di Urbano Cardarelli.
    Descrizione: Edizione in formato 4° (cm 30 x 22); legatura editoriale in tela con sovraccoperta illustrata; pp. VIII + 178; 89 illustrazioni in b/n e a colori + 1 pianta ripiegata con rilievo planoaltimetrico delle cavita' con accesso dal Monastero.
    Luogo, Editore, data: Napoli, Giannini, 1992
    Prezzo: Euro 50,00
    Disponibilita': Limitata

     


    richiedi informazioni

    Il presente volume completa il trittico dedicato al complesso monumentale, con un riferimento particolare al Chiostro maiolicato, ma soprattutto mirando a chiudere, con un unico, sintetico giro d'orizzonte, la vicenda storica del Monastero nella sua globalita': ossia, nell'intreccio di eventi religiosi, civili, dinastici, bellici; nella corrispondenza di funzioni conventuali e forme spaziali, con le relative trasformazioni, tipologiche e decorative, tipiche del periodo in cui venivano attuate.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.