LA PARTENOPE. 2 Dvd - Leonardo Vinci. I Turchini di Antonio Florio

la partenope leonardo vinciTitolo: La Partenope
2 dvd
Autore/i: Leonardo Vinci
Esecutore/i: Orchestra I Turchini di Antonio Florio
Direttore: Antonio Florio
Gustavo Tambascio, direttore di scena
Ricardo Sanchez Cuerda, regia
Jesus Ruiz, costumi
Yolanda Granados, coreografa
Registrato a Murcia (Spagna)
Produzione: Dynamics
Anno di produzione: 2012
Prezzo: Euro 39,00
Disponibilità: In commercio
L'opera è disponibile anche in formato audio cd

 

La Partenope, rappresentata sulle scene del Teatro napoletano di San Bartolomeo nel 1699, fu la prima opera in musica dedicata al mito di fondazione della città di Napoli, l’unica capitale creata su un mito musicale. Oggi la storia di Partenope può sembrare complicata, ma durante i due secoli di dominazione spagnola di Napoli (1503-1707), i suoi abitanti potevano facilmente riconoscere gli elementi simbolici di questo mito ed amavano definirsi ”partenopei” ovvero ”figli di Partenope”, la sirena cantante, fondatrice della loro città. Tutte le numerose varianti del mito riportano che le tre sirene affrontate e vinte da Ulisse si lasciarono perire nelle onde del mar Tirreno e il corpo di Partenope (”la virginale”) si sarebbe arenato sul litorale dove sorse una città che in suo onore prese in seguito il suo nome. Era sua omonima una Partenope principessa greca, ovviamente ”vergine”, figlia del re di Tessaglia, che giunta nello stesso luogo dove intanto si era sviluppato un culto per la sirena, vi si insediò con un gruppo di suoi conterranei, erigendo la città che ne porta il nome e che difese con successo combattendo contro i vicini Cumani.
Per tutti questi motivi appare evidente che il librettista Silvio Stampiglia aveva ben chiara l’identificazione della sua eroina con la città di Napoli quando presentò nel 1699 il ”drama per musica” La Partenope alla viceregina spagnola di Napoli Maria di Medinaceli, dichiarando di aver cosi voluto far tornare ”agl’occhi di questa Nobil Città l’ombra della sua Real Fondatrice”.
Stampiglia infatti era uno straniero, anche se illustre: si trattava di un poeta romano che era stato tra i fondatori della celebre Arcadia e uno dei più prolifici librettisti del primo Settecento.
Nel 1722 una nuova versione del libretto fu presentata al teatro di San Bartolomeo a Napoli con musiche di Domenico Natale Sarro, un musicista nato nel 1679 a Trani nella Puglia, il cui nome è stato immortalato come l’autore dell’opera che inaugurò il Teatro di San Carlo nel 1737: Achille in Sciro.
L’opera fu poi proposta a Roma nel 1724 al Teatro della Pace.
Nello stesso anno 1724 si trovava a Roma anche Leonardo Vinci, altro importante compositore napoletano (nato a Strongoli di Calabria nel 1690 circa) la cui carriera si intrecciò costantemente con quella di Sarro, come una sorta di collaborazione stabile. Vinci fu probabilmente incaricato di modificare la partitura di Partenope per renderla più adatta al pubblico di Roma.
Dopo qualche mese Vinci ricevette l’invito a rappresentare una sua opera a Venezia per il successivo carnevale, Ifigenia in Tauride, al teatro di San Giovanni Grisostomo. Probabilmente l’opera piacque a tal punto che gli impresari di Venezia chiesero a Vinci di scrivere una nuova opera per la stessa stagione, con poche settimane di tempo per completarla. La scelta cadde su Partenope, rappresentata nel 1725 a Venezia col titolo di Rosmira fedele e con libretto dedicato al napoletano Duca Niccolò Del Tocco di Sicignano.
L’opera ha dovuto attendere quasi tre secoli per poter essere riscoperta e riportata sulla scena da Antonio Florio ed i suoi Turchini, in una versione scenica che per la prima volta nella recente storia dell’Early Opera Revival ricostruisce scene, balli e perfino combattimenti come avveniva sulle scene settecentesche.
Se nel 1725 la prima della Partenope/Rosmira di Vinci coincise con la morte del librettista Stampiglia e di Alessandro Scarlatti, nel 1730, anno di morte di Vinci, Händel rappresenterà la sua Partenope, estremo omaggio al collega italiano da lui più stimato e alla città della musicalissima sirena.

Interpreti:
Sonia Prina - Partenope
Maria Grazia Schiavo - Rosmira
Maria Ercolano - Arsace
Eufemia Tufano - Emilio
Stefano Ferrari - Armindo
Charles do Santos - Ormonte

Elenco dei brani:

Disc 1
Act 1
1 - Sinfonia 04:59
2 - Tu dell’eccelse mura 01:07
3 - Viva Partenope 01:09
4 - Arsace!/Armindo! 02:10
5 - O Eurimene ho l’idea di Rosmira 01:00
6 - Cavalier se gli Dei 01:12
7 - Spiegati e di che l’ami 03:16
8 - Armindo ardisci 00:33
9 - Al mio tesoro 05:08
10 - O che Arsace delira 01:59
11 - La rondinella che a noi sen riede 03:48
12 - Regina!/Armindo e sempre così
dolente e mesto 03:40
13 - Non posso amarti o Dio 04:38
14 - Regina, Emilio arriva 00:26
15 - Strumentale 00:59
16 - Regina alle tue piante 01:46
17 - Quest’anima accesa 02:55
18 - Arsace tu sarai 01:37
19 - A far stragi, a far vendetta 03:23
20 - Forti schiere vicino è il cimento 02:30
21 - Sian d’Emilio a fronte 01:59
22 - Renditi oppure estinto a
piè mi cadrai 01:11
23 - Ti circondi la gloria d’allori 01:17
Disc 2
Act 2
1 - Care mura in si bel giorno 03:30
2 - Emilio!/ Alta Reina 01:41
3 - Strumentale 00:43
4 - Ti bramo amico 00:36
5 - E vuoi con dure tempre 03:20
6 - Non può darsi in un petto 02:38
7 - Tormentosa crudel gelosia 04:05
8 - A pro’ di che t’offese 01:39
9 - Sento che va coprendo 03:48
10 - Principe ti narrai con quel divieto 02:13
11 - Vanne e spera 03:13
12 - Giva guardando intorno 01:20
13 - Amante che incostante 07:09
Act 3
14 - Regina ti compiaci 02:09
15 - Arsace o Dio così 00:54
16 - Chi m’apre i lumi 01:05
17 - Godi e spera e sai perché 02:37
18 - Principe ardir 00:42
19 - Men superba andrà la sorte 02:16
20 - Rosmira ove ti guida 00:38
21 - Barbara mi schernisci 03:26
22 - Vuol tornare a la sua sponda 03:57
23 - Ormonte ti destino 00:40
24 - Dal chiaro splendore 03:02
25 - Non chiedo o miei tormenti 01:53
26 - Ancor temo d’Arsace 01:16
27 - Begli occhi del mio ben 02:28
28 - Un core infedel 03:45
29 - Strumentale 00:57

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn