IL TEATRO DI PEPPINO DE FILIPPO


Titolo: I casi sono due
Regista: Fernanda Turvani
Collana: Il teatro di Peppino De Filippo
Genere: Commedia
Interpreti principali: Peppino De Filippo (Gaetano Esposito), Luigi De Filippo (Gaetano Esposito II), Pino Ferrara (Giuseppe), Alba Cardilli (Maria), M. Adelaide Zaccaria (Carmela), Pietro Privitera (Signor Federico), Cesare Bettarini (Barone Ottavio Del Duca), Gabriella Placci (Baronessa Aspasia), Miriam Pisani (Teresina Monfrecola)
Anno di produzione: 1959
Di Armando Curcio (112', b/n, tre atti)

La commedia è di Armando Curcio, ma Peppino è... Peppino, e lavora di suo sul personaggio di Gaetano Esposito, cuoco del barone Ottavio del Duca, bugiardo matricolato e furbone patentato, ma soprattutto prototipo di quel Pappagone che, anni dopo, regalerà proprio a Peppino uno straordinario successo televisivo. Il caso vuole che proprio il rozzo Gaetano venga elevato al rango di baronetto, allorchè si scopre essere il figlio di una relazione avuta dal barone in gioventù. Ma un altro caso lo riporta da cenerentolo in cucina, quando salta fuori un Gaetano Esposito II, più credibile di lui come pretendente al titolo. Chi tra i due è il vero baronetto?

SCHEDA TECNICA
Supporto:dvd
Tipo:dvd 9
Durata112 minuti
Video:Bianco e nero
Formato video: PAL 1,33/1 4/3 (formato originale televisivo)
Audio: Dolby digital 2.0 (Dual Mono)
Lingua: Italiano

Inserti speciali:
- Sezione dvd – video: Pappagone tra macchine e poesie, tratto da xPeppino compie cento annix (2003)
- Sezione dvd – rom: pubblicazione elettronica xIl tratro di Peppino De Filippox. La vita, il palcoscenico, il trionfo in TV, il ricordo di Eduardo

Al momento non disponibile

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.