NAPOLI: LA STORIA. Volume II. Un nuovo Regno - Luciano De Fraia

napoli_la_storia_de_fraia_2Titolo: Napoli: la storia Volume II. Dvd
Sottotitolo: Un nuovo Regno
Sceneggiatura:  Luciano De Fraia
Regia: Luciano De Fraia
Musica Originale di Christof Unterberger
Produzione: Napoli, Pixel06
dati tecnici: durata 70'; Area PAL 2; aspect/ratio 16:9
Lingua: italiano
Sottotitoli: inglese
Anno di produzione: 2011
Prezzo: Euro 16,00
Disponibilità: In commercio
Disponibile anche il Volume I

Documentario sulla storia di Napoli dal Viceregno austriaco all'unità d'Italia, vista attraverso le trasformazioni urbanistiche. Ricostruzioni virtuali tridimensionali basate sulle cartografie storiche e sui rilievi attuali, modelli e curve di livello del territorio, elaborazioni da dipinti e incisioni, rilievi grafici e video dell'architettura napoletana storica e contemporanea in un continuum verbale e visivo accompagneranno lo spettatore e lo immergeranno nel fascino del mito. La puntuale e documentata disamina e le riprese nei luoghi individuati, accompagnati dalle massime autorità nei rispettivi campi della storia dell'arte, dell'architettura, del teatro sono l'altro aspetto del documentario.
Trailer del Dvd


Questo racconto, prendendo spunto dalla base narrativa di trasformazioni urbanistiche, si dirama e intreccia con gli aspetti storici, artistici, antropologici, filosofici, curati da autorità in materia, quali il prof Nicola Spinosa, lo storico prof. Paolo Frascani, l'architetto Paolo Mascilli Migliorini, lo storico dell'urbanistica prof. Leonardo Di Mauro, lo storico dell'architettura prof. Alfredo Buccaro, l'artista Peppe Barra per il teatro e la musica Napoletana, ed altri. Integrando il tutto nella cornice storica europea ed italiana. Realizzando cosi la seconda parte di un opera didattica rigorosa, ma trattata con tecniche di computer grafica che la rendono giovane, fruibile ed affascinante.

Questa seconda parte indaga il periodo Vicereale Austriaco per poi mostrare la magnificenza della Capitale del Regno delle Due Sicilie, le complesse vicende della Repubblica Napoletana, il periodo Napoleonico e Murattiano e la modernizzazione realizzata, la Restaurazione borbonica, e poi i moti liberali, l'avventura garibaldina, fino alla Napoli piemontesizzata e rovinata.
L'intreccio dei racconti di autorità nelle rispettive discipline, la Storia dell'Arte,la Storia Economica, dell'Architettura, dell'Urbanistica, del Teatro, delle Arti Minori, della Musica, formano un racconto unico. Ed è la Storia di Napoli e dell'intero meridione, affascinante e complessa, ad essere resa semplice e coinvolgente.
Nel periodo dal 1710 al 1860 vediamo quindi Napoli divenire sia capitale della cultura in Europa, con la presenza della corte Borbonica, pari a Parigi e Londra ed anche poi travagliata da guerre, rivolte, divisioni tra elites intellettuali e popolo, ed infine trattata come colonia. Mentre la città fisica è in costante mutamento ed espansione.

Il Team
PixelO6, e sono oramai 5 anni, ha realizzato dal 2005 ad oggi alcuni tra i più premiati e riconosciuti all'estero film, cortometraggi e documentari realizzati in Campania, dalla prima produzione video “I love in you” viene in un solo mese selezionata ai festival internazionali di Boston, Atene, Naoussa, Napoli.

La narrazione procede attraverso più livelli comunicativi, nella suggestione dei set virtuali, prodotti, nel rispetto di un puntuale e documentato impianto storico, mediante l'uso di tecniche del compositing e della computer grafica, lo sfondo individua in maniera iconica il periodo storico ed urbanistico. Mentre negli schermi vengono chiarite e commentate visualmente le parole dei narratori. Spesso anche in maniera didascalica a maggior supporto del carattere educational dell'opera.
Ricostruzioni virtuali tridimensionali basate sulle cartografie storiche e sui rilievi attuali, modelli e curve di livello del territorio, elaborazioni da dipinti e incisioni, rilievi grafici e video dell'architettura napoletana storica e contemporanea in un continuum verbale e visivo accompagneranno lo spettatore e lo immergeranno nel fascino del mito.
La puntuale e documentata disamina e le riprese nei luoghi individuati, accompagnati dalle massime autorità nei rispettivi campi della storia dell'arte, dell'architettura, del teatro sono l'altro aspetto del documentario.

Cast
Attrice protagonista: Sara Missaglia

Interviste
Artista, storia del Teatro - Peppe Barra
Storico dell'Urbanistica - Leonardo Di Mauro prof, Università "Federico II", Napoli
Storico dell'Arte – Nicola Spinosa prof. dott., consulente MIBAC
Storico - Paolo Frascani prof, Istituto Universitario Orientale, Napoli
Beni Architettonici - Paolo Mascilli Migliorini, arch. , direttore Palazzo Reale, Napoli
Storia dell'Architettura - Alfredo Buccaro, prof Università "Federico II”, Napoli
Belle Arti - Renato Ruotolo, Direttore della Biblioteca dell'Accademia di Belle Arti, Napoli

Mezzi
- Ricostruzione modelli virtuali: Castelli e Monumenti di Napoli, città di Napoli, territorio Campano, 40 cartografie storiche applicate in 40 ricostruzioni 3D, circa 500 tra dipinti, incisioni e fotografie, animazioni dei modelli in 3D, animazione delle mappe in flash, set virtuali.
- Tavole storiche, Europa e penisola italiana nei due secoli
- Colonna sonora originale

Fotografia in esterni: Rosa Catalano; Emanuela Esposito, Peppe Russo
Direttore della fotografia: Enzo Pascolo
Operatore di ripresa: Enzo Pascolo
Operatore di ripresa: Peppe Russo
Operatore di ripresa : Francesca Capaldo
Trucco: Katia Surmenkova, Annamaria Sarpone
Elaborazioni in Flash: Flashmotus di Paolo Di Paolo
Effetti FFX/VFX, 3D: PixelO6
Producer: Michela Maiello
Sound Editor: Christof Unterberger
Traduzione: Laura Vinti

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.