FRANCO BONETTI. LA PELLE DEL SATYRICON

la_pelle_del_satyricon_franco_bonettiTitolo: Franco Bonetti. La pelle del Satyricon
Catalogo della mostra tenutasi presso la Boblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III" di Napoli dal 4 al 28 marzo 2008
Testi di Paolo Cesaretti, Orlando Forioso, Mauro Giancaspro
I testi sono in italiano ed in inglese
Descrizione: Volume in formato 4° (cm 28 x 23); 93 pagine; 30 tavole a colori fuori testo; peso: Kg 0,540
Luogo, Editore, data: Azzano San Paolo (BG), Bolis, 2008
Collana: 
ISBN-10: 8878271624
ISBN-13: 9788878271623 
Prezzo: Euro 30,00
Disponibilità: 1 esemplare

 


richiedi informazioni


Dalla presentazione di Mauro Giancaspro:
“Franco Bonetti ha sempre avvertito un’attrazione irresistibile per il libro, per il suo affascinante corpo fisico e per la palpitante anima che sembra celarsi tra le sue pagine: un prodigioso insieme che diventa infallibile strumento di conservazione e di trasmissione nel tempo della memoria scritta dell’uomo, con tutta la carica esplosiva di informazioni, di messaggi, di libertà, che la lettura accende.

” […] “…Bonetti sembra, infatti, seguire e spiare l’evoluzione della natura per accogliernel’energia creatrice mentre i processi di nascita sono ancora in via di definizione, per sorprenderli, catturarli e trasferirli sulla tela, aspettando, quasi che sulla superficie si completi il processo di costituzione di un corpo o di una forma: Bonetti ci appare comeun moderno Prometeo che artiglia prodigiosamente con le mani globi infuocati per lasciarli raffreddare; sulle sue tele questi indistinti nuclei primordiali bruciano disegnando figure incandescenti, distendono o contraggono il magma di cui sono composti, fanno esplodere i gas di cui sono gonfi proiettando centrifugatamene scintille luminose, si coagulano, infine in concrezioni iridescenti, agglutinando con forza di attrazione centripeta nuclei cromatici.” […] “… Due letture, non sappiamo quanto recenti o quanto remote e a lungo digerite, gli hanno rinsaldato l’indole vulcanica e lo ora portano a percorrere da vicino la natura e la storia, le paure e le superstizioni, i sortilegi e le preghiere, caratteristiche di una terra che, stretta trai Campi Flegrei e il Vesuvio, è sempre stata segnata da una caduca instabilità, nella quale le più irresistibili fonti d’attrazione sono sempre state anche le più temute cagioni d’allarme. a percorrerla e rappresentarla con quegli strumenti incandescenti e magmatici di espressione suoi propri che solo adesso sembrano trovare un’inconsapevole immaginata scaturigine: si tratta, secondo la confessione dello stesso artista, de il Satyricon di Petronio e La Pelle di Curzio Malaparte, che in un’immaginifica fusione dei rispettivi titoli danno nome a questa mostra”


 

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.