FRATELLO STRANIERO. Al milite ignoto - Elvira Zammarrelli

FRATELLO STRANIERO. Al milite ignoto - Elvira ZammarrelliAutore: Elvira Zammarrelli
Curatore:
Titolo: Fratello straniero
Sottotitolo: Al milite ignoto
Descrizione: Volume in formato 8°; 596 pagine; illustrato con foto
Luogo, Editore, data: Casalvelino Scalo (Sa), Galzerano, 2021
Collana: 
ISBN:
Condizioni: nuovo
Note:
Prezzo: Euro 16,00
Disponibilità: 1 esemplare

 


richiedi informazioni

Il Cilento e i cilentani, spesso, riservano delle sorprese.
Nella prima guerra mondiale due soldati cilentani, di San Mauro Cilento, sul Carso furono compagni di trincea e amici del poeta Giuseppe Ungaretti.
Si tratta di
- Sabato Di Maria, nato nel 1888, lo conobbe al 20° Reggimento di Fanteria, brigata Brescia. Muore in guerra per ferite nel 1916
- Angelo Raffaele Matonti, nato nel 1889, scrivano per i commilitoni analfabeti al 63° Reggimento Fanteria, conobbe Giuseppe Ungaretti al quale si propose per scrivere una lettera.

Dalla quarta di copertina

Elvira Zammarrelli racconta e dà voce a uomini e donne di un piccolo paese del Cilento travolto, come l'Europa intera, dalla Prima guerra mondiale, costata oltre sedici milioni di morti e venti milioni tra feriti e mutilati. Una guerra voluta - come sempre - dalle classi dirigenti, ma subita e pagata duramente dalla popolazione.

Numerosi soldati cilentani non fecero ritorno alle loro famiglie e alla loro terra e altri vissero il resto della propria esistenza mutilati nel corpo... e ancor più nell'anima.

Nell'ottobre del 1935, Angelo Matonti, animato dai venti della propaganda fascista, ha deciso di partecipare come volontario alla guerra d'Etiopia, ma un casuale incontro con un giovane fascista scatena i terribili ricordi della guerra di Libia e della Prima guerra mondiale, i due precedenti conflitti nei quali stato costretto a combattere e le cui ferite sono ancora vive nella sua memoria e in quella del paese.

Riaffiorano dal passato storie che si intrecciano con gli eventi della Grande guerra, storie di amore e di amicizia, di coraggio, di odio, di viltà e di morte dei suoi concittadini, tutti realmente esistiti, uno dei quali, durante la prima guerra mondiale, ha avuto come commilitone il giovane poeta Giuseppe Ungaretti.

Protagonista la drammaticità della guerra con le sue oscure e incomprensibili cause agli occhi della povera gente che stenta a far proprie le idee nazionaliste, razziste e imperialiste che caratterizzano la prima meth del XX secolo, una guerra che uccide con armi nuove e le cui conseguenze saranno tanto più drastiche quanto più calate nel contesto umano dei piccoli paesi del Sud Italia, già minati dalla vacuità dei dissidi politici e delle discriminazioni sociali, dalla persistenza del latifondo, che basa la sua forza sulla legge del maggiorascato, dalla questione meridionale col suo strascico di miseria, che sfocia nel disperato fenomeno dell'emigrazione transoceanica.

 


richiedi informazioni

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.