"FOLLEGGIARE DI GIOIA IN GIOIA". Il melodramma nel giovane Verga - Gennaro Saviello

"FOLLEGGIARE DI GIOIA IN GIOIA". Il melodramma nel giovane Verga - Gennaro SavielloAutore: Gennaro Saviello
Curatore:
Titolo: "Folleggiare di gioia in gioia"
Sottotitolo: Il melodramma nel giovane Verga
Descrizione: Volume in brossura, di cm 21 x 14,5; 199 pagine
Luogo, Editore, data: S.l., Edizioni NoiTre, 2020
Collana: 
ISBN: 9788897475712
Condizioni: nuovo
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: limitata

 


richiedi informazioni

Un affascinante percorso filologico che intreccia l’esperienza letteraria giovanile di Giovanni Verga con quella di Giuseppe Verdi e del “poeta per musica” Francesco Maria Piave.
Una viaggio tra Letteratura, Drammaturgia e Melodramma italiano dell’Ottocento che descrive l’impatto emotivo di grandi “monumenti musicali” come La Traviata e di come Verga abbia costruito l’identità e le personalità delle protagoniste dei suoi romanzi su quelle “inventate dal vero” di Piave e Verdi.

"Il libro è la riproposizione sotto forma di “saggio” della mia tesi di Laurea Magistrale in Linguistica italiana. Quindi, l’esito di una ricerca impegnativa per la mole bibliografica e documentaria letta e analizzata, ma che si è rivelata utile e proficua!
Giovanni Verga è un gigante della Letteratura. Prima di diventare il padre del Verismo e delle opere che tutti noi conosciamo, è stato un giovane studioso che ha creduto in se stesso; che spese le sue ultime “mille lire” per pubblicare la sua prima opera; che subì il fascino del teatro e del melodramma italiano da lui stesso definito “un tesoro di emozioni”: aveva cioè compreso l’unità delle arti ed il potere della parola fatta musica."


INDICE
Il Commento di Franca Olivo Fusco
Nota dell’Autore
Introduzione
Cap. 1.
Da I Carbonari della montagna a Sulle Lagune, tra Il Corsaro ed Ernani
1.1 I Carbonari della montagna e gli ‘uomini di carta’.
1.2 Il “bandito Ernani” e il giovane Verga tra teatro ed opere in musica.
1.3 Sulle lagune e l’apparizione di Margherita.
Cap. 2
Una peccatrice e La Traviata
2.1 Tra letteratura, teatro ed opera.
2.2 Amanti a duello.
2.3 Pietro e Narcisa: arie e valzer.
Cap. 3
Frine e le sue compagne: Norma, Margherita Gautier e Violetta Valéry.
3.1 L’inedito Frine e Giovanni Verga: Catania - “Firenze Capitale”, anno 1865.
3.2 Una ‘straordinaria’ stagione del Teatro della Pergola
3.3 Il giuramento, Norma, Jone e Traviata in Frine
Cap. 4
Giovanni Verga: la lingua, le Lettere, il melodramma.
4.1 La formazione di Giovannino
4.2 La lingua dei romanzi giovanili.
4.3 Verga all’Opera: la fortuna diffusa del docile idioma
Conclusioni
Appendice
- I manifesti del Teatro della Pergola di Firenze. - “Sempre libera degg’io”, estratto dalla partitura autografa di Giuseppe Verdi del 1853. - “La Camelia in scena”. Le storie e le voci di un brindisi (la vita in scena, la scena in Letteratura da Émile Zola a Giovanni Verga)
Bibliografia
Sitografia

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.