LA «PASSIO» DI SAN DONATO VESCOVO DI AREZZO - Pierluigi Licciardello

LA «PASSIO» DI SAN DONATO VESCOVO DI AREZZO - Pierluigi LicciardelloCuratore: Pierluigi Licciardello
Titolo: La «Passio» di san Donato vescovo di Arezzo
Edizione critica, traduzione e commento a cura di Pierluigi Licciardello
Descrizione: Volume rilegato, con sovraccoperta, in formato 8° (cm 23 x 15); 340 pagineVI + 368; 8 tavole fuori testo
Luogo, Editore, data: Firenze, SISMEL - Edizioni del Galluzzo, 2018
Collana: Edizione Nazionale dei Testi Mediolatini d'Italia, 45. Serie II, 21
ISBN: 9788884508225
Prezzo: Euro 70,00
Prezzo in offerta: Euro 50,00
Disponibilità: 1 esemplare

 


richiedi informazioni

La Passio di san Donato vescovo di Arezzo, martire, secondo la tradizione, nel 362 sotto Giuliano l'Apostata, è un testo agiografico di origine altomedievale che ha goduto di ampia fortuna, essendo trasmesso da più di 200 manoscritti senza contare le versioni inserite nei leggendari abbreviati.
La presente edizione è preceduta da un ampio studio introduttivo in cui è ricostruita l'evoluzione del testo, a partire da una versione capostipite di età longobarda (identificata dai Bollandisti con il numero BHL 2289). Emerge un complesso gioco di scritture, riscritture e contaminazioni che si possono ricondurre a tre versioni principali: quella di età longobarda, una versione di età carolingia in cui confluiscono i miracoli dell'omonimo san Donato di Evorea (Famiglia A aucta) e una versione, probabilmente aretina, redatta tra fine X e inizi XI secolo, che mette ordine nelle versioni precedenti (BHL 2294). Sono queste tre versioni principali – intese come snodi centrali nell'evoluzione del testo – a essere oggetto dell'edizione. Ogni testo criticamente stabilito è accompagnato dalla traduzione e da un apparato di note di commento, volte a illustrare fatti e personaggi, aspetti storici, archeologici e linguistici. La straordinaria vitalità di questo testo agiografico attraverso i secoli ne indica il ruolo di primaria importanza nella devozione dei fedeli e nella costruzione dell'identità ecclesiastica locale.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.