PROCESSO A FAVALE. Indagine su un duplice omicidio nella Lucania del Rinascimento. Romanzo - Giuseppe Esposito

AAA Immagine Non Disponibile pAutore: Giuseppe Esposito
Titolo: Processo a Favale
Sottotitolo: Indagine su un duplice omicidio nella Lucania del Rinascimento
Romanzo
Descrizione: Volume in formato 8°; 276 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Stamperia del Valentino
Collana: GialloValentino
ISBN: 9788899937171
Prezzo: Euro 19,00
Disponibilità: In arrivo

 


richiedi informazioni




Nell’anno 1928 il filosofo Bendetto Croce cede alle insistenze del dottor Guarino, medico di Valsinni e si reca in quella che era l’antica Favale sulle tracce della poetessa Isabella Morra. Poetessa del Cinquecento di cui si dice che fosse stata assassinata dai fratelli per motivi d’onore, poiché si sospettava che ella avesse stabilito una relazione amorosa con nobile spagnolo Diego Sandoval de Castro, poeta sposato con donna Antonia Caracciolo ed ucciso anch’egli per vendetta dai fratelli di Isabella.
Il corpo di Isabella non è mai stato trovato e sull’omicidio di Diego il viceré di Napoli don Pedro de Toledo ordinò un inchiesta condotta da Antonio Baratuccio avvocato fiscale del regno. Il Croce affronta il viaggio, piuttosto disagevole, verso Valsinni e la mattina del secondo giorno sogna di risvegliarsi nei panni dell’avvocato fiscale. Sotto quelle spoglie conduce le sue ricerche che lo condurranno in giro per la Basilicata dell’epoca e lo porteranno, alla fine, ad elaborare una suggestiva ipotesi circa la vicenda terrena di Isabella Morra da Favale.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.