LA POETICA DELLA PANCIA. Viaggio enogastronomico nell’anatomia letteraria degli scrittori italiani dell’Otto-Novecento - Costantino Massaro

LA POETICA DELLA PANCIA. Viaggio enogastronomico nell’anatomia letteraria degli scrittori italiani dell’Otto-Novecento - Costantino MassaroAutore: Costantino Massaro
Titolo: La poetica della pancia
Sottotitolo: Viaggio enogastronomico nell’anatomia letteraria degli scrittori italiani dell’Otto-Novecento
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 14); 220 pagine.
Luogo, Editore, data: Pisa, ETS
Collana: Obliqui
ISBN: 9788846751157
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: In arrivo


Qual era il piatto prelibato di Giosuè Carducci? Che cosa preparava per pranzo Maria al suo amato fratello Cesare (Pavese)? E che dire di Umberto Saba che ricorda l’amico Italo in un passo intitolato La bistecca di Svevo? In questo libro scopriamo queste e tante altre preziose curiosità: da A morte la minestra di un Leopardi bambino, che sarebbe poi diventato un uomo capace di apprezzare i piaceri del buon cibo (altro che pessimista!), ai versi bizzarri di Montale
redatti velocemente poco prima del  cenone di fine anno, passando per un invito ad una ‘causerie’ gastronomica presieduta da Montale in persona. E ancora, il discorso contro la polpetta di un giovane D’Annunzio, le icastiche e gustose metafore culinarie del Gattopardo, la carnale voracità  dell’Angiolina di Svevo e la ‘gran fiera magnara’ di Gadda fino alla piada malinconica dei versi di Pascoli e il ventre napoletano della Serao; senza scordare le piole pavesiane, le ribotte di Carducci, capace di divorare cibo ininterrottamente per un giorno intero, e le sinestetiche ricette marinettiane.

In questo saggio non ci si sofferma soltanto sulle preferenze e sui gusti culinari privati dei singoli letterati ma anche sui più significativi luoghi letterari (non solo epistolari o diaristici) in cui essi stessi parlano di cibo, declinato nelle sue varie funzioni, dimostrando come sovente sia possibile rinvenire i gusti personali dei vari autori anche nelle pieghe delle loro opere, che, in tal caso, acquistano un prezioso valore autobiografico e documentaristico. Le tante curiosità non sono mai al servizio di una sterile aneddotica, ma sempre funzionali ad un discorso, nuovo e diverso, sulla poetica di alcuni prestigiosi esponenti della letteratura italiana dell’Otto-Novecento

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.