AL TEMPO DI RE LAZZARONE. Ciro Annicchiarico, preti briganti e galantuomini nel Salento preunitario - Vincenzo Santoro

al tempo di re lazzarone vincenzo santoroAutore: Vincenzo Santoro
Titolo: Al tempo di re lazzarone.
Sottotitolo: Ciro Annicchiarico, preti briganti e galantuomini nel Salento preunitario
Romanzo.
Descrizione: Volume in formato 8°; pagine 356.
Luogo, Editore, Data: Manduria, Lacaita ,1991
Prezzo: Euro 15,50
Disponibilità: In commercio

Siamo nel 1818. In Puglia la lotta contro l'assolutismo del re borbone è ormai sfociata in rivolta armata. Anche se il governo di Ferdinando I ha spezzato il fronte dei rivoltosi, traendo dalla sua parte con apposito accordo il comandante Gaetano Vardarelli, capo del brigantaggio politico in Capitanata e in Terra di Bari, il Salento ha continuato a portare avanti da solo, sia pure in modo confuso, il suo piano insurrezionale.

Da tre anni si combatteva una vera e propria guerra civile tra la fazione del "trono e dell'altare», costituita dai Sanfedisti e dai Calderari, e la fazione ostile al dispotismo regio, della quale facevano parte varie sette segrete: dai Carbonari ai Decisi, dalle Società Filantropiche agli Adelfl ed ai Patrioti Europei. Capo indiscusso della truppa insurrezionale era il prete di Grottaglie don Ciro Annicchiarico, già temuto capobrigante sotto i re francesi. Egli, più che una costituzione liberale del regno, sognava una repubblica salentina, primo anello di una catena che doveva allacciare in una confederazione tutti i popoli d'Europa.

Il governo di Napoli, fortemente preoccupato, decise infine di inviare in Puglia un corpo di spedizione al comando del maresciallo irlandese Church, con l'incarico di stroncare l'insurrezione e di riportare l'ordine in terra d'Otranto con qualsiasi mezzo. In breve tempo fu la resa dei conti per il prete-brigante, rimasto isolato e senza alcuna risorsa a seguito di un «ripensamento» dell'ala più moderata della Carboneria salentina. Dopo pochi mesi fu eliminato, a tradimento, anche Gaetano Vardarelli. La situazione poteva dirsi "normalizzata»: l'albero della libertà, appena piantato, era stato spiantato.

Il romanzo ha come sfondo tali avvenimenti e come protagonista un personaggio molto lontano dall'imperante violenza: fra' Martino, un giovane padre redentorista, in crisi umana e religiosa, un «sognatore» intento ad inseguire per proprio conto e senza apparente successo un ideale evangelico di fratellanza e di superiore giustizia.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.