IL QUADRO DEI DELITTI - Nathan Gelb

il quadro dei delitti nathan gelbAutore: Nathan Gelb
Titolo: Il quadro dei delitti
Sottotitolo: Un'indagine del principe di Sansevero
Romanzo
Descrizione: Volume in formato 8°; 492 pagine.
Luogo, Editore, data: Sperling & Kupfer, 2006
ISBN: 9788820040345
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: No

 


richiedi informazioni

"Il diavolo stesso non saprebbe compiere nulla di tanto diabolico!" Così da Roma Papa Benedetto XIV commenta l'orribile catena di delitti che insanguina la cittadina di Clisson in Bretagna. Omicidi raccapriccianti, a metà strada fra alchimia e satanismo. Ma a tirare in ballo il demonio, nel 1753, occorre sempre cautela. Per questo il pontefice, aggirando Inquisizione e polizia, affida in segreto l'indagine al celebre alchimista napoletano Raimondo de Sangro Principe di Sansevero.

Piccoletto ma di elevato ingegno, intuito folgorante e lingua tagliente, dai mille imprevedibili artifizi, l'improvvisato 'detector' s'imbatte in maniaci adoratori di reliquie, irrequieti 'fantasmi', cacciatori di pietre filosofali. Affronta poi un serial killer che smembra le proprie vittime, marchiandole con oscuri geroglifici, e possiede una singolare qualità... A complicare le cose, il mistero di due ampolline vecchie duemila anni, provenienti dal tesoro dei Templari. Ma cosa lega un'abbazia benedettina al castello del più sinistro pedofilo omicida finito sul rogo tre secoli prima? E perché mai su tutto incombe un famoso quadro di Bosch, che causò la morte del pittore e continua a scatenare follia, delitti, maledizioni?

Audace intrico di passioni, ambizioni e crimini, sorretto da uno stile vigoroso e diabolicamente coinvolgente, "Il quadro dei delitti" è un originalissimo noir sull'alchimia. Arte ambigua che scatena l'ambivalenza insita nell'uomo; ponte seducente sospeso fra corpo e spirito, maschile e femminile, passato e presente. Ma quando i colpi di scena si saranno esauriti, il lettore sgomento si troverà di fronte a una realtà che supera ogni fantasia. Una verità che è il tassello mancante al "Codice da Vinci". Una verità che Dan Brown non poteva conoscere, perché 'direttamente' recuperata dal passato.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.