LE DUE PORTE - Francesco Palmieri

le due porte francesco palmieriAutore: Francesco Palmieri
Titolo: Le due porte
Romanzo 
Descrizione: Volume in formato 16° (cm 19,5 x 13); 182 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Ad Est dell'Equatore, 2015
Collana: Liquid
ISBN: 9788899381011
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: In commercio

1921. Il grande Enrico Caruso torna convalescente da New York per trascorrere l’estate a Sorrento. Carmine, giovane mandolinista ammiratore del tenore, lascia la sua ragazza per seguirlo attratto da un sogno di musica e di gloria. Ma Caruso muore poco dopo e Carmine non ritroverà più Caterina, partita con il padre per l’America. 2012. Sulla traccia di un quaderno ereditato, un giornalista riscopre la storia di Carmine e Caterina rivivendo gli ultimi giorni di Caruso.
Gli si rivela che non è troppo tardi perché una vicenda d’amore irrisolta trovi inaspettata conclusione. Teatro di un tempo sospeso all’improvviso è il secentesco borgo delle Due Porte, con gli archi che aprono duplice accesso alle forze più profonde della “terra desolata” napoletana. Due ingressi nel tempo in tempi diversi, che dividono il libro in due parti: la prima segue fedelmente episodi della vita di Enrico Caruso attinti alle biografie più importanti. La seconda ricalca, come si diceva, La terra desolata rivisitata in chiave napoletana e attuale e, come nell’opera di Eliot, l’autore da un lato guarda alla desolazione che rischia di “travolgere ogni traccia di una cultura secolare”, dall’altro al futuro e alla rigenerazione. Un romanzo sul tempo e sull’amore, e la sintesi tra i due è la reincarnazione continua di un modello femminile, un archetipo napoletano sunteggiato nel nome di Caterina, quello rappresentato nelle canzoni più note dell’epoca d’oro. Una storia che domanda al lettore di scegliere la personale soluzione dopo aver fatto i conti con i temi del doppio e del ritorno. È forse fra le note e le parole di Core ‘ngrato, canzone dedicata a Caterina e interpretata da Caruso, che si cela – sempre ma non per sempre – la chiave presumibile di tutto.

Francesco Palmieri (Napoli, 1962). Ha pubblicato opere di saggistica e di narrativa, tra cui Vite pericolose. Uomini e fantasmi delle arti marziali (Settimo Sigillo 2009), Il libro napoletano dei morti (Mondadori 2012), La camorrista (Xs Mondadori 2013). Ha cominciato come giornalista di cronaca nera, poi è passato all’informazione economica. Maestro di Kung Fu, cultore di musica e pittura napoletana. Vive e lavora a Roma.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.