L'ARCA DELLA SALVEZZA. Romanzo - Enzo Di Brango

l arca della salvezza enzo di brangoAutore: Enzo Di Brango
Titolo: L'arca della salvezza
Romanzo 
Descrizione: Volume in formato 8°; 184 pagine.
Luogo, Editore, data: Roma, Gruppo Albatros Il Filo, 2015
ISBN: 9788856773392
Prezzo: Euro 14,90
Disponibilità: In commercio

Il casato del barone Giuseppe Chiarelli della Spezia ha una storia lunga solo duecento anni, un numero equivalente agli ettari di terreno coltivato che a lui danno una vita agiata e ai suoi sottoposti tanta fatica e poco pane. Barone per grazia terrena per i suoi possedimenti, sfrutta ciò che gli riserva il presente e così avrebbe continuato per il resto della sua vita, anche dopo la morte della devota moglie Olinda. Da allora Marietta diventa la sua concubina, mentre il figlio Alessandro si dedica alla vita militare con lo stesso interesse con cui l'amica di famiglia Mikaela si dedica a sua volta a salotti e ad altri uomini in assenza del conte Celestini, che la sorte tristemente le aveva attribuito come marito. Pagina dopo pagina l'Autore, con grande padronanza linguistica e letteraria, restituisce scene di vita quotidiana con dovizia di particolari e vivacità narrativa, tanto che il romanzo si rivela un'originale finestra sul regno delle Due Sicilie, mentre il lettore si ritrova circondato da personaggi di fantasia e altri storici che dipanano il filo sottile che lega il passato al presente.

Enzo Di Brango è nato nel 1958 ad Aquino (FR) e vive a Roma. È membro del comitato di redazione della storica rivista "Quaderni del Sud-Quaderni Calabresi" diretta da Francesco Tassone. Collabora con la rubrica Diploteca dell'edizione italiana di Le Monde Diplomatique. È autore del saggio socio-politico L'Italia si cerca e non si trova (Qualecultura edizioni, 2012) e coautore de I Fondi Pensione (Cafi editore, 2007). Ha curato la ristampa de I moribondi di palazzo Carignano (Capone editore, 2013) e tradotto dallo spagnolo L'acqua scarseggia, ma la papera non galleggia (a cura di Luciano Vasapollo, Jaca Book editore, 2006).

Leggi il commento di Giuseppe Antonio Martino

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.