LE RAGIONI DEL ROMANZO. Mario Pomilio e la vita letteraria a Napoli - Fabio Perangeli, Paola Villani (Edd.)

le ragioni del romanzoCuratori: Fabio Perangeli, Paola Villani (Edd.)
Titolo: Le ragioni del romanzo
Sottotitolo: Mario Pomilio e la vita letteraria a Napoli
Descrizione: Volume in formato 8°; 512 pagine.
Luogo, Editore, data: Roma, Studium, 2015
Collana: Cultura Studium
ISBN: 9788838242830 978-88-382-4283-0
Prezzo: Euro 35,00
Disponibilità: In commercio


Napoletano di adozione, europeo per vocazione e per precise esperienze biografiche e culturali, Pomilio si presenta in questo volume di studi, come scrisse Prisco, come autore di uno degli itinerari narrativi più alti della letteratura italiana e non soltanto italiana del secondo Novecento.
La pubblicazione degli Atti del Convegno internazionale di studi promosso dall'Universita Suor Orsola Benincasa di Napoli, intitolato Le ragioni del romanzo. Mario Pomilio e la vita letteraria a Napoli, avviene in una concomitanza significativa e positiva di date, cioè quando il Fondo Pomilio del Centro di ricerca sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei dell'Universita di Pavia, diretto da Maria Antonietta Grignani, si arricchisce degli ultimi materiali, provenienti dalla casa dell'autore e affidati, con una ormai collaudata generosità, dai figli Annalisa e Tommaso, che hanno voluto con questa ulteriore donazione completare un archivio tra i più rilevanti del Novecento. La biblioteca di lavoro, articoli e saggi apparsi in quotidiani e riviste, altre carte autografe, redazioni dattiloscritte e perfino appunti della moglie Dora — prima donatrice ― sono stati collocati, insieme al resto dei materiali conferiti da anni, all'interno del Centro pavese in una sala interamente dedicata all'autore e pronta ad accogliere gli studiosi. Tali materiali sono stati utilizzati per la prima volta nei saggi di questo volume, rendendolo indispensabile per i futuri studi sullo scrittore. Un catalogo selettivo della Mostra Compagnone, Pomilio, Rea. Autografi, libri, immagini, allestita nel dicembre 2012 al Centro pavese (composta di 136 documenti, tra autografi, libri, lettere e immagini di Pomilio e di grandi scrittori napoletani, tutti amici di Maria Corti fondatrice del Centro Manoscritti) accompagna il presente volume, mentre la bibliografia di Mario Pomilio, curata da Paola Villani e Giovanna Formisano, intende offrire uno strumento per il passato inesistente, utilissimo per approfondimenti futuri. 

Fabio Pierangeli insegna Letteratura italiana e Letteratura di viaggio presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Roma Tor Vergata. Ha scritto una ventina di volumi sulla letteratura tra Otto e Novecento; suoi saggi sono apparsi su riviste nazionali e internazionali, in particolare su Iacopone da Todi, Alfieri, Leopardi (a cui ha dedicato una raccolta di saggi), la novellistica del secondo Ottocento, Pavese, Gadda, Morselli. Attualmente si occupa di letteratura e giornalismo attorno a Ungaretti e di letteratura e carcere.

Paola Villani è professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Napoli Suor Orsola Benincasa. Alla letteratura tra Otto e Novecento ha dedicato monografie e saggi, curando anche i rapporti tra letteratura e giornalismo e tra letteratura e politica. Oltre a studi su Salvatore Di Giacomo, Vittorio Pica, Rocco Pagliara e la cultura meridionale di fine Ottocento, tra gli autori del Novecento ha seguito con maggiore interesse Curzio Malaparte, Guido Morselli e lo stesso Mario Pomilio.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.