NAPOLI 1940 - 1952. Dalla prima mostra triennale delle terre italiane d'oltremare alla prima mostra triennale del lavoro italiano nel mondo - Giovanni Arena

napoli 1940 1952Autore: Giovanni Arena
Titolo: Napoli 1940 - 1952
Sottotitolo: Dalla prima mostra triennale delle terre italiane d'oltremare alla prima mostra triennale del lavoro italiano nel mondo
Descrizione: Volume in formato 8°
Luogo, Editore, data: Napoli, Fioranna, 2012
Disponibilità: No
 
La Prima Mostra Triennale delle Terre Italiane d'Oltremare inaugurata a Napoli il 9 maggio del 1940 si configurò come una città ideale delle colonie suddivisa in tre settori caratterizzati da padiglioni che informavano dei contenuti. La divisione serviva a precisare le tre finalità dell'esposizione: ricostruzione dell'opera di conquista dell'impero nel settore storico; illustrazione delle caratteristiche delle varie zone delle terre d'oltremare nel settore geografico; documentazione dell'«attrezzatura della Madre Patria» nei riguardi della valorizzazione delle colonie nel settore industriale. Chiusa ad appena un mese dalla sua inaugurazione, per l'entrata in guerra dell'Italia, fu riaperta ufficialmente l'8 giugno del 1952 con la nuova denominazione di Prima Mostra Triennale del Lavoro Italiano nel Mondo; la Mostra aveva il compito di "ricostruire" quei legami economici con l'Africa, l'Asia e l'America che già esistevano con la città di Napoli.

Il volume è concepito come piccola guida alle mostre delle due Esposizioni, con schede per ogni singolo padiglione e con un approfondimento sulla storia del Complesso espositivo tra le due guerre.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.