CHRONICON DE REBUS IN APULIA GESTIS - Notar Domenico da Gravina

chronicon_de_rebus_in_apulia_gestisAutore: Notar Domenico da Gravina
Titolo: Chronicon de Rebus in Apulia gestis
A cura di Giovanna Montrone
Descrizione: Volume con legatura in cartonato, cucito a filo refe,  in formato 8° (cm 22,5 x 18);  pagine L + 452
Luogo, Editore, data: Luogo, Editore, data: Irsina (MT), Giuseppe Barile
Collana: "La Mandragora". Testi della tradizione letteraria del Mezzogiorno d’Italia. N. 3
ISBN: 9788885425613
Prezzo: Euro 45,00
Disponibilità: In commercio

La Cronaca è una delle poche testimonianze letterarie del Mezzogiorno d’Italia sopravvissute alla incuria del tempo, almeno relativamente al periodo del Duecento e del Trecento; in essa notar Domenico da Gravina narra fatti quotidiani riportati non senza una disinvolta partigianeria. Le vicissitudini subìte a causa della miglior fortuna dei nemici politici del cronista consentono al lettore di entrare nella rappresentazione della quotidianità di vita e nei continui capovolgimenti dei fronti di guerra in quel periodo del Regno di Napoli governato dalla regina Giovanna, nei libri di storia ricordata come la pazza, forse anche per aver fatto strangolare lo sposo Andrea d’Ungheria. A seguito di questo omicidio, il fratello di quest’ultimo, Luigi, invase il Regno, saccheggiando città e campagne e il notaio, – parte in causa, tanto che lo ritroviamo, nel 1349, esule a Bitonto – cacciato dalla fazione politica che patteggia per la regina, comincia a scrivere dei suoi ricordi di guerra, a partire dal 1333 e per circa venti anni ancora.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.