IL PECCATO DELLA SIRENA PARTENOPE. Dalla leggenda il dolce di Napoli - Claudio Canzanella

il_peccato_della_sirena_partenopeAutore: Claudio Canzanella
Titolo: Il peccato della sirena Partenope
Sottotitolo: Dalla leggenda il dolce di Napoli
Descrizione: Volume in formato 16° (cm 16 x 16); 48 pagine
Luogo, Editore, data: Napoli, Edizioni Scientifiche e Artistiche, 2012
Collana: Lo Scrigno
ISBN: 9788895430-XX-X
Disponibilità: No

Claudio Canzanella fa rivivere il mito della Sirena Partenope in un'opera snella ed accattivante che unisce al fascino della mitologia greca del III sec a.C, una sapiente analisi storica atta a mettere in luce il profondo legame tra la figura mitica e la genesi della città. 
Il Peccato di Partenope è il romanzo sulla storia d'amore tra la sirena, simbolo di Napoli, e Sebeto, il fiume che divideva Neapolis da Partenope, che ha ispirato due noti pasticceri napoletani portandoli a ideare il dolce che, stando al racconto, fece cedere la giovane vergine. Lo spunto colto dai fratelli Bellavia, Lucio e Germano, quest'ultimo noto protagonista della soap opera "Un posto al sole" è giunto dall'autore Claudio Canzanella che nel riscrivere, tra mito e fantasia, la storia d'amore ha citato un dolce, creato dal giovane amante con l'aiuto dei suoi affluenti. Il dolce del peccato - è il lieto fine del romanzo - fu preparato con gli ingredienti (vino, amarene, uova e farina) che la dea Afrodite concesse agli affluenti, amici dell'innamorato Sebeto, facendo cadere, tra le sue braccia, Partenope al primo assaggio.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.