PLANETARIO NAPOLETANO. Epigrammi ed aneddoti - Giovanni De Caro

planetario_napoletano giovanni de caroAutore: Giovanni De Caro
Titolo: Planetario napoletano
Sottotitolo: Epigrammi ed aneddoti
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 22 x 16); 115 pagine; intonso; fioriture alle copertine ed al risguardo
Luogo, Editore, data: Napoli, F. Bideri, 1958
Prezzo: Euro
Disponibilità: No

QUATTRO PAROLE AL LETTORE
Il perché di questa raccolta di aneddoti è presto detto.
Il motto di spirito, l'epigramma, la battuta umoristica, passando di bocca in bocca si deformano talvolta, tal'altra perdono la loro efficacia o acquistano un significato diverso. Io ne ascoltai moltissimi nei cenacoli d' arte fiorire spontanei sul labbro di molti artisti con rapidità folgorante. Mi son detto allora: perchè non raccogliere tutte queste scattanti espressioni, così come nascono, o così come sono ripetute da quelli che le hanno a suo tempo ascoltate, prima che, nei succcssivi passaggi, subiscano delle varianti che ne fanno perdere il particolare significato?


L'umorismo è la suprema eleganza dello spirito, e grandi epigrammisti e sapidi umoristi furono Luciano e Marziale, Heine ed Anatole France, Tristan Bernard e Shaw (in verità, troppo corrosivo, questo terribile irlandese!); lo furono Ugo Ricci, con elegante grazia, e Libero Bovio con mordace sottigliezza, come oggi lo sono, squisitamente, Pitigrilli e Pasquale Ruocco. Ma anche tanti altri poeti e scrittori nostri avevano pronto sul labbro la facezia, non sempre sferzante, spesso bonaria ma non meno arguta.
Tutti questi personaggi, che dettero all'arte opere che non si dimenticano: da Matilde Serao a Roberto Bracco, da Vincenzo Gemito a Eduardo Dalbono, da Raffaele Viviani a Ferdinando Russo, da Salvatore di Giacomo a Luca Postiglione, da Eduardo Scarfoglio a Giovanni Capurro e cantanti, musicisti, attori, “guitti”, canzonieri, formano il “piccolo mondo” colorito e vivace, bohémien e blasé, oggi scomparso, e passano in queste pagine quasi con la guizzante destrezza di valenti schermitori, che partono a fondoper l'immancabile stoccata al petto dell'antagonista.
Se questa mia raccolta di aneddoti avrà il consenso di voi lettori, sarà lautamente ricompensata la mia modesta fatica.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.