NAPOLI SALONICCO AUSCHWITZ. Cronaca di un viaggio senza ritorno - Nico Pirozzi

napoli_salonicco_auschwitzAutore: Nico Pirozzi
Titolo: Napoli Salonicco Auschwitz
Sottotitolo: Cronaca di un viaggio senza ritorno
Descrizione: Volume in 8° (cm 20,5 x 14,5); 160 pagine
Luogo, Editore, data: Villaricca (NA), Cento Autori, dicembre 2008
ISBN: 97888 95241 562
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: In commercio

Il libro “Napoli-Salonicco-Auschwits, cronaca di un viaggio senza ritorno”, recentemente presentato a Napoli, arriva ad una anno dalla pubblicazione di un'altra storia sull'olocausto dal titolo “Fantasmi del Cilento – Da Altavilla Silentina a Lenti un’inedita storia della Shoah ungherese”, che narra le vicende di trenta ebrei della cittadina ungherese di Lenti che per sottrarsi al massacro falsificarono dei documenti per fingersi altavillesi e tentare inutilmente di salvarsi.

Con “Napoli-Salonicco-Auschwits, cronaca di un viaggio senza ritorno”, Nico Pirozzi ricostruisce “pagine perdute di una inesorabile storia della seconda guerra mondiale, che lega il dramma della Shoah anche a molti Ebrei provenienti dalla Campania” ; lo fa attraverso ricerche scrupolose che servono a riportare alla luce storie che sembrano lontane da noi ma che sono inesorabilmente legate alla storia del mondo intero. I

l libro è ambientato nel luglio 1938, quando le leggi razziali piovono improvvise ed impietose sulla Comunità ebraica italiana. Protagonisti Rachele e Abramo Hasson, due commercianti greci emigrati a Napoli, dopo l’incendio di Salonicco dell’agosto 1917, improvvisamente costretti a lasciare l’Italia. A Salonicco, la città dalla quale sono partiti più di vent’anni prima, ci arrivano alla vigilia dell’invasione fascista della Grecia. Con loro ci sono anche i due figli più piccoli, Giacomo e Dino, nati e vissuti a Napoli come la sorella e il fratello maggiore, che grazie a un biglietto pagato dalla “Delasem” riescono a emigrare negli Stati Uniti. La spartizione dello Stato ellenico e l’occupazione nazista della Macedonia coincideranno con l’ultimo capitolo della lunga storia della Gerusalemme dei Balcani e dei suoi cinquantamila abitanti ebrei. Da sfondo a una vicenda che replica un copione già messo in scena in tutti i paesi occupati dalle armate di Hitler, trova spazio l’incredibile storia dei consoli Guelfo Zamboni e Giuseppe Castruccio, di Lucillo Merci e Riccardo Rosenberg, che nel momento più tragico della storia degli ebrei di Salonicco riescono a distribuire centinaia di documenti attestanti l’italianità di altrettanti ebrei, che dai convogli diretti alle camere a gas della Polonia orientale si trovano dirottati su Atene. Una scialuppa sulla quale gli Hasson non trovano però posto, essendo la loro storia già destinata a concludersi altrove, ad Auschwitz.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.