TRADITI. Una storia della Shoah napoletana - Nico Pirozzi

traditi nico pirozziAutore: Nico Pirozzi
Titolo: Traditi
Sottotitolo: Una storia della Shoah napoletana
Prefazione di Enrico Deaglio
Descrizione: Volume in 8° (cm 20,5 x 14,5); 160 pagine
Luogo, Editore, data: Villaricca (NA), Cento Autori, gennaio 2010
ISBN: 97888 95241 739
Euro 15,00
Disponibilita': Si



«Traditi» narra una storia cominciata a metà degli anni Venti e conclusasi tredici anni dopo, quando il fascismo scoprì che in Italia non esisteva una sola razza, ma tante razze, di cui una sola superiore. È la storia degli ebrei fascisti, una minoranza di italiani, che rispetto a decine di migliaia di loro correligionari subirono l’onta di essere «traditi» tre volte: dal re (l’uomo che impersonificava lo Stato), dal duce (l’uomo in cui avevano creduto) e dal fascismo (il partito e il regime in cui si erano da sempre riconosciuti). E traditi lo furono anche Aldo Procaccia, lo shammàsh della sinagoga di Napoli, e suo figlio Amedeo: due ebrei fiorentini approdati nella città del Vesuvio dopo la Grande Guerra. Sono loro i principali protagonisti del terzo dei libri scritti dal giornalista Nico Pirozzi per raccontare la Shoah in Campania. Quella dei Procaccia è la storia di una famiglia di italiani di religione ebraica, che come centinaia di altri italiani, riuscì a coniugare, senza traumi o imposizioni, credo confessionale e opinioni politiche. La loro storia di fascisti, cominciata nel gennaio 1926, si concluse nel dicembre 1938, quando anche ad Aldo e Amedeo fu recapitata la lettera che li informava che i loro nomi erano stati cancellati dagli elenchi del partito, e le loro tessere revocate. Da sfondo alla vicenda la Napoli della guerra e dei bombardamenti alleati e la Toscana delle razzie antisemite. Ed è a Cerasomma, minuscolo borgo della Lucchesia che i Procaccia – tre uomini, tre donne e due neonati - vengono arrestati, dopo essere stati scoperti e denunciati da alcuni abitanti della zona. Internati nel campo fascista di Bagni di Lucca, successivamente trasferiti al carcere delle Murate di Firenze e a quello di San Vittore a Milano, saranno deportati ad Auschwitz, il 30 gennaio 1944. Il campo di sterminio della Polonia orientale dal quale nessuno di loro tornerà.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.