SPEN e altri racconti - Domenico Rea

Spen_Rea_pAutore: Domenico Rea
Titolo: Spen e altri racconti.
Con disegni di Manuela Bertoli, Simonetta Capecchi, Luca Dalisi, Lino Fiorito, Oreste Zevola.
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 20,5 x 13,5); 115 pagine
Luogo, Editore, data: Napoli, Dante & Descartes, ottobre 2006
Collana: Terra in vista
Prezzo: Euro 10,00
ISBN: 88-88142932
Disponibilita': In commercio


Indice del volume:
Spen (tratto da Questi Tredici)
Il ritorno dall'America (tratto da Il ragazzo dei bottoni)
L'eredita' (tratto da I segni della vita)
Stella Bianca (tratto da Stella Bianca)
La carrucola (tratto da I segni della vita)

 

Spen e altri racconti sono scelti dai volumi per ragazzi che Domenico Rea cominciò a pubblicare a partire dal 1968. Nel presentare Questi tredici, la prima raccolta, Rea defini' i suoi racconti «favole vere come se ne possono ricavare dalla vita di tutti i giorni e di tutti gli uomini comuni e meno comuni», ma è chiaro che è l'intervento dello scrittore, il suo particolare "modo" di narrare, a rendere le storie speciali riuscendo ad appassionare tutti i lettori, perché la letteratura, quella vera, non conosce distinzioni anagrafiche: «per ragazzi», «per adulti», «per ...».
I disegni che illustrano i racconti sono la lettura originale che cinque artisti, amici, hanno dato di queste «favole vere».

"Spen era un mio compagno di scuola. Badate: un mio compagno di scuola, non un amico. Se gli fossi stato amico, se Spen avesse avuto un vero amico avrebbe sofferto di meno; avrebbe avuto qualcuno a cui confidarsi. Spen era invece un ragazzo solitario, oltre che orfano e povero; un ragazzo insomma, rispetto a tanti altri, fin dalla partenza, "segnato"; fin dall'infanzia costretto a chiedere a se stesso quella somma di consigli, di regole e di virtu' che, di solito, molti di noi apprendono e ricevono ascoltando e imitando i genitori e i parenti. [...] Se leggerete il racconto toccherete quasi con mano come noi si sbagliasse a giudicare il nostro malinconico compagno un innocuo esaltato e come da lui e dalla sua difficile storia dovessimo ricavare in seguito una di quelle lezioni che si trasformano in esperienza e in umanita'".
Domenico Rea

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.