RITRATTO O MODELLO DELLE GRANDEZZE, DELIZIE E MERAVIGLIE DELLA NOBILISSIMA CITTA' DI NAPOLI - Giovan Battista Del Tufo

Ritratto_o_Modello_Del_Tufo_pAutore: Giovan Battista Del Tufo
Titolo: Ritratto o modello delle grandezze, delizie e maraviglie della nobilissima citta' di Napoli.
Testo e introduzione a cura di Olga Silvana Casale
Commento di Maria Teresa Colotti
Descrizione: Edizione in formato 8°; pp. LVI-664, con 8 tavv. f.t. a colori e in b/n, alcune ripiegate, con sopraccoperta a colori.
Luogo, Editore, data: Roma, Salerno Editrice, aprile 2007
Collana: Documenti di Poesia
Prezzo: Euro 75,00
ISBN: 88-8402-540-0
Disponibilita': In commercio

L'opera del marchese Giovan Battista Del Tufo, composta intorno al 1588, è ancor oggi considerata tra le testimonianze piu' preziose e antiche della cultura e del folklore napoletano.

Da sempre, infatti, ad essa hanno attinto e continuano ad attingere folkloristi, antropologi, linguisti, lessicografi ed eruditi in genere.

 


richiedi informazioni


L'edizione che ora vede la luce, per la prima volta curata e commentata, presenta un ritratto iridescente della capitale del Viceregno meridionale, illustrandone, a volte persino in esplicita polemica con Milano e la societa' milanese, gli infiniti aspetti scintillanti: dalla cultura alla cucina, dal dialetto alle tradizioni, dai costumi alle feste e balli, che oggi contraddistinguono Napoli in tutto il mondo.

Dalla recensione di Emma Giammattei (Il Mattino - 28 aprile 2007)
Il Ritratto si presenta come una summa di tutte le notizie concernenti la «nobilissima citta' di Napoli», organizzate secondo una analitica mappa della memoria personale e del memorabile. La descrizione, in versi polimetri, si svolge, all'insegna della continua variazione metrico-linguistica, come diario di viaggio, in sette «Ragionamenti», uno per ogni giorno della settimana, ciascuno dedicato a uno speciale aspetto della citta': dai luoghi strategici allo smisurato elenco dei prodotti gastronomici, dal Sole all'Aurora, dalle arti alle professioni, dai piaceri agli Ospedali, dalla Piedigrotta ai Monasteri. Tutto vi è attestato, toccato, assaporato, con sensualita' controriformistica, fino alle pagine squillanti sulla lingua napoletana, contrapposta, per la molteplicita' dei suoi registri, gentili e plebei, alla rozzezza dei «Mai de, vien za', oibò, miga, ne gotta», dei dialetti settentrionali. Il testo prende impulso da una considerazione nostalgica e difensiva della Patria napoletana, per addentrarsi man mano con curiosita' bramosa nei labirinti della topografia urbana, scena gremita di cose e persone, animata da una gia' inconfondibile colonna sonora. Le voci fantasiose degli ambulanti, i giochi di parole, le sequenze proverbiali, le metafore alimentari, duplicano ogni squarcio.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.