QUASI UN DIZIONARIO - Luigi Compagnone

Quasi_un_Dizionario_pAutore: Luigi Compagnone
Titolo: Quasi un dizionario.
Sottotitolo: Occasioni, Recensioni, Lampi di saggi, Tre Napoli.
A cura di Nando Vitali
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 20 x 14,5); 415 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Compagnie dei Trovatori, aprile 2007
Prezzo: Euro 18,00
ISBN13: 9788890197353
Disponibilita': In commercio

Quasi un Dizionario è una raccolta di articoli, in forma di piccoli saggi, apparsi su giornali e riviste a partire dagli anni '40, fino a poco prima della scomparsa dell'autore.
L'idea del dizionario è classificazione mentale, nel senso che l'ordine degli articoli è cronologico, ma mette insieme un grandissimo numero di autori e di libri proprio come se fosse un dizionario.
Consultabile, dunque, ad uso e consumo per il lettore.
Le scoperte e le rivelazioni sono molte. Come molte le agnizioni che ognuno potra' ritrovare in una sorta di libero pellegrinaggio nel mondo della letteratura, e della scrittura in generale.
Un libro da leggere e rileggere, sostenuto e nutrito da una prosa, quella di Compagnone, sempre musicale, ma spesso anche morsicata da note taglienti e ironiche. Una scrittura pronta a scattare in ogni direzione, ma tenuta fermamente insieme dal talento e dalla passione.

Luigi Compagnone fuma e scrive, scrive e fuma. La sigaretta si consuma tra l'indice e il medio, un fil di fumo sale verso l'alto e sul foglio si compongono le frasi.
Di cosa scrive? Di tutto, e incalzato dalla velocita' del tempo. Scrive di sé, della sua citta', dei libri degli altri. Il volume che avete tra le mani è soprattutto dedicato ai libri degli altri. È nato sulle colonne dei giornali come testimonianza quotidiana di un lettore che non sta mai fermo. I suoi occhi aggrediscono le righe e sovrappongono le proprie righe a quelle altrui.
Che si tratti di un necrologio o di un libro appena uscito, o di un nuovo incontro, la penna di Compagnone è pronta al perimetro critico, allo slancio, all'incazzatura. In un passaggio breve ci dice chi sono i suoi fratelli letterari (Arpino, ad esempio), in un altro si sofferma su una trama e non gli sfuggono le "novita'", soprattutto quelle che riguardano Napoli.
Eccolo infatti recensire con tempismo e precisione Malacqua di Pugliese e Il resto di niente di Striano. Compagnone scrive con i capelli irti in testa, il mondo lo sgomenta, sente che si ostina a passare altrove e sempre piu' raramente si prende la briga di fargli visita.
Però lui se ne sta rintanato a casa, gli occhi chiari in agguato nell'oscurita', la mente febbricitante, le dita ingiallite, la macchina da scrivere pronta a ricevere i colpi dell'intelligenza, il foglio è pronto, può essere spedito al giornale, domani ci sara' qualcuno che lo leggera' e lui stesso lo accogliera' con occhi diversi, come se a scrivere quelle righe piene di nicotina fosse stato un altro.
Il tempo è passato, i decenni sono volati, la maturita' e l'immaturita', la giovinezza e la vecchiaia si sono confuse e oggi c'è chi, come Nando Vitali, il curatore di questo libro, decide che in quelle pagine ingiallite di giornale è nascosta la storia segreta di uno scrittore urticante e mai fermo. Anche oggi che non c'è più.
Silvio Perrella

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.