CANTI, POETI, PUPI E TARANTE. Incontri con i Testimoni della Cultura Popolare - Valter Giuliano

canti_poeti_pupe_e_taranteAutore: Valter Giuliano
Titolo: Canti, poeti, pupi e tarante
Sottotitolo: Incontri con i Testimoni della Cultura Popolare
Con cd musicale
Volume in formato 16° (cm 19 x 14); 188 pagine; 37 fotografie in b/n
Luogo, Editore, data: Roma, Squilibri, 2007
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilita': In commercio

 
Un appassionante viaggio in Italia, dal Piemonte alla Sicilia, alla ricerca di quanti hanno saputo salvare la tradizione, reinterpretarla e innovarla, mantenendo viva l'eredità dei padri. Da Amerigo Vigliermo e il Coro Bajolese del Canavese a Turi Grasso e l'Opera dei Pupi di Acireale, da Uccio Aloisi, il patriarca della pizzica salentina, al Gruppo Spontaneo di Magliano Alfieri, dai poeti-pastori dell'Alto Lazio ai Cantori di Carpino, un susseguirsi di dialoghi che costituiscono allo  stesso tempo un racconto a più voci della straordinaria ricchezza di espressioni musicali e culturali che attraversano la provincia italiana. Promosso dal Comitato Festival delle Province, i "Testimoni della Cultura Popolare" è il premio che ogni anno viene conferito a uomini, gruppi ed esperienze che, come fragili ma tenaci "biblioteche viventi", sono impegnati nella valorizzazione di antichi saperi, forti di un rapporto profondo con i territori e le comunità di appartenenza e votati a tramandare alle generazioni successive il lascito del loro Con scritti di Gian Luigi Bravo  e Carlo Petrini, presidente di Slow Food, i testi con traduzione dei brani musicali contenuti nell'allegato cd e un consistente apparato fotografico, la rappresentazione dinamica di un eccezionale mosaico di sonorità e culture, tra pizziche e stornelli, canti in ottava rima e cori polifonici.

Quando parliamo di "moda" ovviamente ci riferiamo non ai consumi di massa, ma a  quelli di un'avanguardia che vuol riprendere il filo del discorso. E meno male, visto che Valter Giuliano e Squilibri ci raccolgono in questo volume i frutti di un interessante viaggio nell'Italia della musica popolare. Altrettanto interessanti sono le introduzioni di Carlo Petrini e Gian Luigi Bravo. Dal Piemonte alla Sicilia, c'è di tutto. E potrebbe piacervi.     Il salvagente   

Il volume, arricchito da un CD con dieci interpretazioni e da una suggestiva raccolta fotografica, ha il pregio di leggersi in un fiato; ben scritto, procede con intelligenza nell'indagare rispettosamente questi mondi meravigliosi, per certi versi ancora segreti, assolutamente sconosciuti al grande pubblico. Mondi di cui, purtroppo, tra qualche anno non resterà più nulla, Montébore o non Montébore, perché se è possibile mantenere vive le tradizioni alimentari regionali, più ardua, se non impossibile, la prospettiva di rivitalizzare, ricontestualizzzandola, la tradizione etnomusicale, spazzata via dalle profonde, ineluttabili trasformazioni della dimensione spazio-tempo del nostro vivere contemporaneo che ne hanno trasformato la funzionalità.

A leggere queste pagine si respira vita, non mefitici fiati cariati dalla grettezza particolaristica. (...) C'è anche chi, per una vita, ha saputo "dar voce a un'altra voce". Un "testimone" al quadrato" Guido Festinese, Alias    

Valter Giuliano Giornalista e storico dell'ambiente, tra i promotori del movimento ecomuseale in Italia, è Presidente del Comitato per il Festival delle Province.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.