THEATRUM MUNDI. SHAKESPEARE E NAPOLI - Antonella Piazza, Silvia Spera

THEATRUM MUNDI. SHAKESPEARE E NAPOLI - Antonella Piazza, Silvia SperaCuratore: Antonella Piazza, Silvia Spera
Titolo: Theatrum Mundi. Shakespeare e Napoli
Sottotitolo:
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 13); 208 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2020
Collana: Ricerca e Didattica. Letteratura e cultura inglese e angloamericana - Monografie. N. 6
ISBN: 9788849541519
Prezzo: Euro 25,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

Per mancanza di traduzioni, Shakespeare non ha immediatamente influenzato la cultura napoletana (e quella italiana) come è accaduto per altre aree europee.

Tuttavia, c’è chi ritiene, forse non in modo azzardato, che esista, tra le tradizioni drammatiche di Shakespeare e di Napoli, un’attrazione ancora poco indagata, come già lamentava nel 1919 Benedetto Croce in un suo famoso saggio.
Theatrum Mundi. Shakespeare e Napoli intende esplorare la relazione culturale e linguistica tra Shakespeare e Napoli.

Entrambe le letterature teatrali condividono la capacità di coniugare la tradizione colta con la cultura popolare, di riflettere sia una prospettiva locale che una internazionale e dunque di attrarre un pubblico inclusivo di ogni strato sociale. Non è dunque forse un caso che in Italia è nei teatri di Napoli, più e prima che in quelli delle regioni del Nord, che Shakespeare venne accolto con entusiasmo già dal primo Ottocento.

La straordinaria e vivissima energia linguistica del testo shakespeariano, inoltre, sembra rivelarsi, come dimostrano i saggi della raccolta, nelle traduzioni e negli adattamenti contemporanei di Shakespeare in napoletano, a partire dal teatro sperimentale degli anni Settanta e Ottanta, alla geniale traduzione de La tempesta di Eduardo De Filippo fino a prove contemporanee come l’ultimo Amleto di Davide Iodice.

Indice:

Premessa
Presentazione della raccolta

I Contributi
Manfred Pfister - Il sonetto 66 attraverso culture e media in Europa

Stefano De Matteis - Shakespeare e Napoli: prove di infedeltà. Considerazioni su attori, capocomici e traduttori tra Otto e Novecento

Antonia Lezza - Shakespea re di Napoli. Il poeta, il Carnevale e Napoli

Simonetta de Filippis - «Who’s there?». Shakespeare nel teatro napoletano contemporaneo

Nicola De Blasi - Eduardo traduttore, attore e voce di Shakespeare

Grazia D’Arienzo - Avviso ai naviganti di Renato Carpentieri: una variazione su La tempesta shakespeariana

Annamaria Sapienza - Mal’essere di Davide Iodice. Amleto dell’anima e le periferie

Alfonso Amendola e Vincenzo Del Gaudio: «He’s fat, and scant of breath». Le riscritture shakespeariane di Punta Corsara in una prospettiva mediologica

Antonella Piazza e Maria Izzo - Shakespeariani napoletani sulla scena degli ultimi trenta anni


Testimonianze

Gianni Lamagna - Neapolitan Shakespeare: sonetti musicati e tradotti in napoletano

Salvatore Striano - Ariel da La tempesta di Sasà

Davide Iodice - Mal’essere: conversazione sull’Amleto di Davide Iodice

Silvia Spera - Love & Power: Cymbeline, A Tale of Lies: una performance studentesca diretta da Sylvia Toone, Bill Papaleo e Antonella Piazza

Bibliografia

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.