CHIAMATEMI PAOLA RICCORA - Mariagiovanna Grifi

chiamatemi paola riccora mariagiovanna grifiAutore: Mariagiovanna Grifi
Titolo: Chiamatemi Paola Riccora
Sottotitolo: Come una signora dell'alta borghesia napoletana diventò una commediografa di successo
Descrizione: Volume in formato 8°; 120 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, IlMondodiSuk, 2016
Collana: 
ISBN: 9788896158111
Prezzo: Euro 10,00
Disponibilità: In commercio

Napoli, 1916. Una signora dell’alta borghesia, un’innovativa scrittura per il teatro e un’identità celata. Questi gli elementi principali della “doppia vita” di Emilia Vaglio che, sposata a Caro Capriolo, noto avvocato sostenitore del diritto d’autore e fondatore della SIAE a Napoli, si destreggia tra famiglia e arte separando nettamente pubblico e privato: a casa, moglie e madre affettuosa, esempio di integrità morale per chiunque la conosca; a teatro, autrice di testi osé derivati dalle scandalose pochade francesi. Inizialmente non le rimane che nascondersi dietro lo pseudonimo maschile di Paolo Riccora, per poi essere riconosciuta e rivelarsi, infine, come Paola attraversando quasi un secolo di teatro da protagonista. Su loro richiesta scrive per Eduardo De Filippo e Raffaele Viviani, le sue commedie vengono recitate dalle compagnie più rinomate dell’epoca in cui figurano attori del calibro di Carlo Pretolani, Dina Galli, Ettore Petrolini e Paola Borboni. Intellettuale appassionata e femminista inconsapevole, stimata da Luigi Pirandello e Matilde Serao, omaggiata dalla penna di critici quali Renato Simoni, Vittorio Paliotti e Antonio Ravel, dopo la sua morte, nel 1976, Paola Riccora viene completamente, incomprensibilmente, dimenticata. Questo libro mira a riportare alla luce la vita e l’arte di una donna scrittrice del secolo scorso, non solo per renderle onore, ma per contribuire a individuare per lei un giusto posto nella storia del teatro italiano.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn