IL DIRITTO NEL TEATRO DI EDUARDO. Note di lettura - Giovanni Marino

il diritto nel teatro eduardoAutore: Giovanni Marino
Titolo: Il diritto nel teatro di Eduardo
Sottotitolo: Note di lettura
Descrizione: Volume in formato 8°; 191 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Editoriale Scientifica, 2015
ISBN: 9788863428025
Prezzo: Euro 13,00
Disponibilità: In commercio



Indice:

Petite ouverture, quasi una introduzione
1. L’ ‘analitica dell’esperienza comune’ napoletana nel Teatro di Eduardo
1.1. Il tema e il metodo. Un esercizio di ‘Diritto e Letteratura’
1.2. La Napoli ‘di’ Eduardo. Le vicende lunghe ed amare d’un ‘comune’
1.3. Intorno al ‘fare teatro di Eduardo’. Il rito teatrale e il suo pubblico
1.4. Napoli nel Teatro di Eduardo. Le storie della città: dal ‘mondo-teatro’ al ‘teatro-mondo’
Adagio. “Adda passà ’a nuttata”. Variazioni su d’un topos di Napoli Milionaria!
2. Napoli e il suo diritto. Tra Legge e ‘diritto umano’
2.1. Alcune annotazioni preliminari su ‘legge’ e ‘diritto umano’ nel corpus teatrale eduardiano.
Il ‘comune’ e il ‘diritto’
2.2. All’incontro del ‘diritto umano’ o ‘sentimentale’
2.3. La Legge e il ‘comune’ della città
2.3.1. “La legge è fatta bene”
2.3.2. La Legge è scritta. La scrittura, le carte, la carta
2.3.3. I ‘ministri’ della Legge. Prefetti, giudici, avvocati, brigadieri
2.4. Alla ricerca del ‘diritto umano’
2.4.1. Figure e luoghi del ‘diritto umano’. Carte, patti, delitti
2.4.2. Il ‘diritto umano’ obbliga, incondizionatamente
2.4.3. La famiglia e il ‘comune’ della città. Sopravvivenza, coesistenza, generazione. Con una ‘coda’
Finalino/Rondò. La legge che fa ridere



 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.