I VOLTI DI PARTENOPE. La drammaturgia napoletana del Novecento da Bracco a De Simone - Cristiana Anna Addesso, Vincenzo Caputo, Pasquale Sabbatino

i_volti_di_partenope_addessoAutore: Cristiana Anna Addesso, Vincenzo Caputo, Pasquale Sabbatino
Titolo: I volti di Partenope
Sottotitolo: La drammaturgia napoletana del Novecento da Bracco a De Simone
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 120 pagine
Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, 2013
Collana: Meridionalia. N. 4
ISBN: 9788854860117
Prezzo: Euro 10,00
Disponibilità: In commercio

La drammaturgia napoletana tra secondo Ottocento e Novecento è stata in questi anni al centro di progetti di ricerca e di convegni internazionali promossi dall’Università degli Studi di Napoli Federico II e dal Master di II livello in Letteratura, scrittura e critica teatrale. In particolare si è indagato sulla famiglia di artisti composta dagli Scarpetta e dai De Filippo, su Di Giacomo, Bracco, Viviani, per giungere, attraverso fratture e continuità, fino alla Nuova Drammaturgia di Annibale Ruccello, Manlio Santanelli ed Enzo Moscato e alle più recenti generazioni. Il volume, che raccoglie saggi su Roberto Bracco, Peppino De Filippo, Domenico Rea: nasce da questa ricerca e offre risultati innovativi per ricostruire la storia e la geografia della letteratura teatrale italiana.

Indice del volume:
9 Introduzione

13 VINCENZO CAPUTO
Letterati sulla scena. Tragedie dell’anima e La piccola fonte di Roberto Bracco. Con una nota su Aniello Costagliola
Note sull’ibsenismo di Bracco, 13 – La metamorfosi dello scrittore umanitario: Tragedie dell’anima (1899), 16 – Il letterato superomista: La piccola fonte (1905), 22 – Bracco, Costagliola e la strada del “teatro di pensiero”, 28

33 VINCENZO CAPUTO
«Viviamo in due Napoli». Roberto Bracco e la drammaturgia napoletana a inizio Novecento
L’idea di Salvatore Di Giacomo e il dibattito sulla rivista «Teatro moderno», 33 – Il commento di Scarpetta, la replica di Di Giacomo e la posizione di Russo, 34 – Costagliola e Bracco, 38 – Le due Napoli: Bracco e/o  Scarpetta, 43

49 PASQUALE SABBATINO
Lumìe di Sicilia di Luigi Pirandello e la traduzione napoletana di Peppino De Filippo
L’attore-autore, 49 – Il progetto editoriale di Farse e Commedie e la stagione della filologia, 52 – Lumìe di Sicilia di Pirandello e la traduzione napoletana di Peppino De Filippo, 57

77 CRISTIANA ANNA ADDESSO
«la violenza di vivere almeno una volta». Le formicole rosse di Domenico Rea

95 PASQUALE SABBATINO
I «peli» della Gatta Cenerentola di De Simone e del Cunto de li cunti di Basile. Una parodia dell’illustre Don Benedetto Croce
La nuova Cenerentola e il popolo di Napoli, 96 – La traduzione in napoletano moderno del Pentamerone, 98 – La doppia riscrittura, dialettale e italiana, 102

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.