LA RISORSA DEL SOGNO NEL TEATRO DI EDUARDO - Alberico Guarnieri

la_risorsa_del_sognoAutore: Alberico Guarnieri
Titolo: La risorsa del sogno nel teatro di Eduardo
Descrizione: Volume in formato 8°; 216 pagine
Luogo, Editore, data: Cosenza, Pellegrini, 2010
ISBN: 9788881016723
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: In commercio


Nella produzione teatrale eduardiana il tema del sogno ricorre frequentemente, assumendo gli aspetti più vari, ad originare una gamma alquanto vasta di situazioni che destano l'attenzione del pubblico, non soltanto per i sapienti allestimenti scenici operati dall'autore o per il susseguirsi di dialoghi contraddistinti ora da toni drammatici, ma in nessun caso lacrimevoli, ora da un taglio brioso e, talvolta, da una serie di notazioni ironiche eppure sempre sobrie, ma soprattutto per il loro continuo oscillare fra la dimensione della realtà quotidiana, e un affascinante ma insidioso ambito oltremondano. Le vicende inscenate nelle opere dove la presenza del sogno acquista un rilievo preponderante, spaziano dalla canonica visione onirica notturna, perlopiù delegata ad agire sulla realtà al fine di imprimervi un'impronta tanto profonda da modificarla radicalmente, al vagheggiamento di ideali quali una perfetta unità familiare, una giustizia in grado di tutelare gli interessi delle classi sociali più deboli, una ricchezza elargita da generose entità soprannaturali la cui sfera d'azione, però, è limitata unicamente all'immaginario dei tanti sognatori che popolano il repertorio eduardiano, nonché il raggiungimento di un'armonia collettiva simboleggiata da un presepe universale, dimensione priva di divenire nella quale rinchiudersi per poter sfuggire alle angustie quotidiane. Così, si è compiuto un percorso che ha attraversato alcuni fra i testi più significativi del drammaturgo partenopeo raffiguranti le molteplici peculiarità assunte dal sogno, a confermarne lo status di risorsa, quali Natale in casa Cupiello (1931), Non ti pago (1940), Napoli milionaria! (1946), Filumena Marturano (1946), Questi fantasmi (1946) Le voci di dentro (1948), e De Pretore Vincenzo (1957). Inoltre, sono stati tracciati molteplici paralleli fra le commedie studiate e Le avventure di Pinocchio, a far supporre la presenza di una 'funzione Pinocchio' all'interno di tale produzione teatrale, suggestione attraverso cui si è cercato di costruire un ulteriore itinerario possibile.

Alberico GuarnieriE' cultore di Letteratura italiana presso l'Università dalla Calabria e condirettore della collana  "Modelli di narrativa di consumo" edita dalla casa editrice Pelllegrini. Collabora alle pagine culturali de "Il Quotidiano della Calabria" e alle riviste di critica letteraria "Filologia antica e  moderna", "Letteratura e società", "Crocevia", sulle quali ha pubblicato vari studi inerenti ad aspetti dellla produzione letteraria dell'Ottocento e del Novecento.E' autore di volumi, Metamorfosi e fantasmi della narrativa italiana tra Otto e Novecento, Cosenza, Pellegrini, 2004 e Sguardi, maschere, seduzioni. Da Verga a Tozzi, Cosenza, Pellegrini, 2007, di saggi apparsi in AA.VV. La tentazione del fantastico. Racconti italiani da Galdo a Svevo, Cosenza, Pellegrini, 2007, AA.VV. Colpa e ironia nella narrrativa di Grazia Deledda, Cosenza, Pellegrini, 2010 e in altri volumi.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.