IL PRESEPE POPOLARE - Stefania Massari

IlPresepePopolarepAutore: Stefania Massari (a cura di).
Titolo: Il Presepe Popolare.
Sottotitolo: La collezione storica dei pastori napoletani del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari (Roma).
Descrizione: Volume in 8° (cm 24 x 16) ; pp. 48; 27 illustrazioni a colori, di cui 9 a tutta pagina.
Peso: Kg 0,200.
Luogo, Editore, data: Roma, De Luca, dicembre 2001.
Euro 10,50
Disponibilita': Limitata

All’origine di questo volumetto, nel quale si ricostruisce la genesi, la storia e il significato del presepe napoletano, vi è l’acquisizione da parte del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari a Roma di alcuni importantissimi ed antichi presepi tra cui il nucleo più importante è costituito dalla raccolta esposta in occasione dell’Esposizione Universale del 1911 tenutasi a Roma per celebrare il cinquantenario dell’unità d’Italia.

La rassegna è degna davvero di grande attenzione. Sì perché dopo che il presepe, per diretto interessamento del re Carlo III di Borbone alla metà del Settecento, nato nelle chiese, si trasferisce anche nelle abitazioni, è una vera e propria gara a chi sa fare di più e di meglio.

La costruzione della Natività implicherà d’ora in poi la collaborazione di artisti ed artigiani, tra cui pittori, scultori, architetti, orafi, argentieri, ceramisti, costruttori di strumenti musicali, modellatori di animali, di cestini di frutta e verdura e dei più svariati finimenti, diventando una manifestazione artistica degna di figurare nei musei.

La collezione romana è largamente all’altezza delle aspettative dei più sofisticati amatori di questo genere artistico.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.