IL PRESEPE DEL RE Nella Collezione del Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma - Stefania Massari

Curatrice: Stefania Massari
Titolo: Il presepe del re.
Sottotitolo: Nella Collezione del Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma.
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 24 x 16,5); 360 pagine; 800 illustrazioni in b/n di piccolo formato e 450 a colori, di cui molte a tutta pagina e diverse su doppia pagina
Luogo, Editore, data: Roma, De Luca, dicembre 2006
Prezzo: Euro 30,00
ISBN: 88-8016-756-1
Disponibilita': In commercio

 

Spetta all'etnologo Lamberto Loria (1855-1913) il merito di aver raccolto in occasione della Mostra di Etnografia, tenutasi a Roma in Piazza d'Armi nell'ambito dell'Esposizione Internazionale del 1911, la collezione di figure presepiali delle varie regioni italiane oggi conservate nel Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari a Roma.
Si tratta di oltre mille 'pupazzi' che offrono un contributo fondamentale alla comprensione di quell'interessante e poliedrico fenomeno storico-antropologico rappresentato dal presepe. Nei vari personaggi presepiali, infatti, rivive la varieta' degli usi e costumi, mondi e valori tipicamente popolari con cui il Loria intendeva sintetizzare la multiforme realta' italiana.
Tra i presepi un posto a parte occupano le straordinarie figure napoletane del settecento e dell'ottocento, una preziosa raccolta che permetteva di 'rappresentare' tutte le tematiche ispirate ai Vangeli, dall'Annunciazione alla Vergine alla Nativita' sino alla Fuga in Egitto, celebrando il grande evento del 'mistero', spettacolo sacro e profano al tempo stesso.
A Napoli l'eta' d'oro del presepe che, nato nelle chiese, presto si era trasferito nelle abitazioni, coincise con l'arrivo nella citta' nel 1734 a Napoli di Carlo III di Borbone (1715-1788) che si dedicava personalmente alla preparazione dei fondali e della scenografia in cui si svolgeva la Nativita', impartendo ordini sulla disposizione dei gruppi e dei personaggi. Nobili e borghesi ne seguirono l'esempio, allestendo nelle proprie residenze apparati scenografici quasi teatrali, nella ipotetica speranza di una visita del sovrano sempre curioso di osservare le risoluzioni plastiche e scultoree piu' interessanti.
Arte italiana per eccellenza, il presepe 'paradiso dei contrasti' coniuga sapientemente meraviglia e spettacolo, storia religiosa e pagana al tempo stesso, e registra, oggi, una nuova fortuna grazie al lavoro dei molti artigiani napoletani che espongono nelle bancarelle di San Gregorio Armeno un'incredibile varieta' di figure riflesso di quell'immaginario devoto, tipicamente italiano, che resiste, ancor oggi, nell'era della globalizzazione. Il presepe nella sua complessa storia di scenografie, colori, luci e sculture dimostra la sua perenne vitalita' e testimonia, ancora una volta, il grande patrimonio costituito dalla tradizione perpetrata grazie all'opera svolta dai figurari, architetti, scenografi, pittori che ne giustificano il successo e la grande diffusione.

Stefania Massari, gia' autrice de Arti e Tradizioni Il Museo Nazionale dell'Eur – sempre edito per i tipi della De Luca – svela un interessante aspetto delle collezioni del Museo accompagnandoci in un avvincente viaggio attraverso la storia della nostra cultura

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.