EL BELÉN NAPOLITANO DE LOS DUQUES DE CARDONA: legado casa Ducal de Medinaceli - María Teresa Marín Torres

Belen napolitano duques de cardonaCuratore: María Teresa Marín Torres
Titolo: El Belén Napolitano de los duques de Cardona
Sottotitolo: Legado casa Ducal de Medinacel
Catalogo di Mostra: Centro Centro Cibeles de Cultura y Ciudadanía, Madrid, 28.11.2014 - 01.02.2015
Descrizione: Volume in formato 8° oblungo (cm 12 x 23); 64 pagine; illustrato
Luogo, Editore, data: Madrid, Ediciones El Viso, S.A. 2014
Collana: 
ISBN: 8494185691 ISBN-13: 9788494185694
Disponibilità: No


Commissionato a Napoli nel 1784, il presepe napoletano dei duchi di Cardona è un gioiello di circa 200 pezzi che il Duca di Medinacoeli esponeva nella cappella del suo palazzo.
L'origine di questo gruppo risale al 1784, anno in cui il duca consorte di Santisteban, futuro XIII duca di Medinaceli e XV duca di Cardona, Don Luis María Fernández de Córdoba e Gonzaga, ordina a Napoli due presepi della migliore fattura, uno per il Principe delle Asturie, il futuro Carlos IV e un altro per la sua famiglia.
Quest'ultimo gruppo arrivò in Spagna nel 1785, e tale fu la soddisfazione del committente che nel 1790 furono ordinati altri pezzi. Racconta la tradizione di famiglia che "solo due presepi erano fatti di questa stessa fattura, quella fatta per il Duca di Medinaceli e un'altra fatta per gli zar russi".
Il presepe fu esposto per la prima volta al pubblico nel 1860.
La XXI duchessa di Cardona, Casilda Ghisla Guerrero-Burgos e Fernández de Córdoba, è attualmente colei che conserva questa eredità e ha ripreso il suo recupero negli ultimi anni.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.