IL POEMA DI DIEGO o la canzone del barrilete cosmico - Cristian Izzo

IL POEMA DI DIEGO o la canzone del barrilete cosmico - Cristian IzzoAutore: Cristian Izzo
Curatore:
Titolo: Il poema di Diego
Sottotitolo: o la canzone del barrilete cosmico
Descrizione: Volume in brossura, di cm 21 x 13; 96 pagine
Luogo, Editore, data: S.Egidio del Monte Albino (SA), 2021
Collana: 
ISBN: 9788855250986
Condizioni: nuovo
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: In arrivo

 


richiedi informazioni

Il poema, diviso simbolicamente in dieci capitoli, ognuno riguardante un evento tra quelli più importanti della storia umana e calcistica di Maradona, è composto in versi sciolti dal ritmo serrato e costante.
Così come per gli eroi tragici e per i protagonisti dei poemi omerici (di cui si richiamano direttamente alcuni passi, come lo scontro tra Ettore e Achille, trasposto nell’incontro calcistico tra Argentina e Inghilterra) le vicende storiche si trasformano in episodi mitici, gli accadimenti divengono simboli e i personaggi Dei, oppure Mostri.
Nel tentativo di recuperare la fertilità della scrittura epica, in un momento in cui la storicizzazione di ogni episodio si propone come verità storica, nella moltiplicazione delle narrazioni dei fatti, che si sostituiscono in vero all’evento stesso, il poema (ispirato anche al Lenin di Majakovskij) intende sottrarre la figura di Maradona all’ammorbante cronaca, al pettegolezzo maligno e fazioso, alla pretesa di moralizzarne la vita e di ridurne la figura.
Perché un tempo Mito e Storia erano una cosa sola e in un’epoca in cui alla mitologia si è sostituita la cronaca, abbiamo tremendamente bisogno di una figura semidivina, il cui corpo testimoni e sollevi la questione tragica della Morale individuale contro la Legge del Mondo.
In questo scritto convergono perciò citazioni da ogni specie di letteratura: la mitologia Azteca, il marxismo, Frida Kahlo e Diego Rivera, Pavese, Pasolini, Nietzsche e Van Gogh.

"Il Calcio, nato nella strada
Sollievo e medicina proletaria
Si diveniva strumento distraente
E la difesa ennesima di quei signori
Che lo comprarono e ne fecer passatempo
Sì come fu dei gladiatori un tempo.
E come Engels si parlò di Spartaco
Lo schiavo che si fece più potente
Del suo Lanista e dell’Imperatore
E minacciò le soglie dell’Impero
Io voglio dire di te, Diego ribelle
Che come quello furioso e sapiente
Sapessi far tremare i più potenti
Per prendere il pallone e restituirlo
Alla sua gente e alla loro libertà
Da troppo tempo schiacciata e soppressa. "

 


richiedi informazioni

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.