LE POESIE DI EDUARDO DE FILIPPO

Poesie_di_Eduardo_pAutore: Eduardo De Filippo
Titolo: Le Poesie di Eduardo.
Introduzione di Roberto De Simone
Descrizione: Volume in 16° (cm 19 x 11); pp. VIII + 230
Luogo, Editore, data: Torino, Einaudi, 2005
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilita': In commercio

"Dopo aver scritto poesie giovanili, come fanno piú o meno tutti i ragazzi, questa attivita' divenne per me un aiuto durante la stesura delle mie opere teatrali.
Mi succedeva, a volte, riscrivendo una commedia, d'impuntarmi su una situazione da sviluppare in modo da poterla agganciare piú avanti ad un'altra, e allora, messo da parte il copione, per non alzarmi dal tavolino con un problema irrisolto, il che avrebbe significato non aver piú voglia di riprendere il lavoro per chissa' quanto tempo, mi mettevo davanti un foglio bianco e buttavo giú versi che avessero attinenza con l'argomento e i personaggi del lavoro interrotto.


Questo mi portava sempre piú vicino alla essenza dei mio pensiero e mi permetteva di superare gli ostacoli. Per esempio, 'A gatta d'o palazzo e Tre ppiccerilli mi aiutarono ad andare avanti con Filumena Marturano.
Come la gatta lascia il biglietto da mille lire e mangia il cibo, cosí Filumena non mira al danaro di Domenico Soriano ma alla pace e alla serenita' dei suoi figli. I quali figli sono poi i tre bambini sotto un ombrello che vidi davvero una mattina in un vicolo di Napoli, uniti nella poesia, separati nella vicenda teatrale fino al momento della rivelazione di Filumena.
Mentre scrivevo Questi fantasmi, per chiarire a me stesso il tormento di Pasquale Lojacono, ebbi bisogno di Io vulesse truva' pace. Talvolta l'impuntura riguarda questioni di linguaggio. Per esempio, per rendere vivo il modo d'esprimersi di Amalia Jovine nel secondo atto di Napoli Milionaria, scrissi L'enemi, avendo in mente il tipo di popolana napoletana che usa termini a lei inconsueti e cosí, per paura di sbagliare le finali delle parole, le elimina del tutto. Invece di dire «vitamina» dice «vitamí», invece di «anemia», «enemí»: l'eterna anemia del popolo napoletano... A poco a poco ci ho preso gusto e ora scrivo poesie anche indipendentemente dalle commedie.
Fra le tante che si sono andate accumulando sul mio tavolo ho scelto quelle che piú mi piacevano per farne una raccolta di versi, alcuni gia' pubblicati in Il paese di Pulcinella e in 'O canisto, e altri inediti."
EDUARDO DE FILIPPO

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.