ANNA MARIA BOVA. GUARDATI A VISTA

guardati_a_vista_anna_maria_bovaTitolo: Anna Maria Bova. Guardati a vista
Catalogo della mostra. Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III"- Napoli, 11 - 26 settembre 2008 
Mostra a cura di Annamaria Orsini Cammarata. Catalogo a cura di Fabio Donato
Testi di Mauro Giancaspro, Annamaria Orsini Cammarata, Massimo Capaccioli, Anna Maria Siena Chianese, Arcangelo Izzo
Descrizione: Volume in formato 8° oblungo (cm 22 x 24); 60 pagine; 21 illustrazioni a colori, di cui 5 su doppia pagina a colori e 5 in b/n, di cui 3 su doppia pagina
Luogo, Editore, data: Napoli, Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele III", 2008
Collana: I Quaderni della Biblioteca Nazionale di Napoli. Serie IX. N. 6
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: 1 esemplare

 


richiedi informazioni

"... Anna Maria Bova  non  ha adoperato gli strumenti usuali dell’ottico come elemento decorativo per descrivere, per raccontare, per creare disegni inusuali. Non  ha fatto ricorso al  materiale  ottico per proporlo come metafora; lo offre, piuttosto,  come sineddoche grafica. Una parte per il tutto; una parte per l’insieme complesso dell’atto del guardare. Occhi di cristallo e lenti a rappresentare il vedere e il leggere. Sono loro che, in mostra, guardano; guardano voi che vi aggirate nella Sala Leopardi.  Si serrano così  tra loro in cortine dominate da un vero e proprio horror vacui o  si affiancano, quasi minacciosi, l’uno all’altro. Altrove si diradano, fondendosi con piante, monti, luoghi, qualche volta nascondendosi tra essi; diventano soli, lune, astri, lampioni.
Vi incontrerete e vi scontrerete, dunque, con essi; vi accorgerete che sfruttando riflessi imprevisti alcuni sembreranno ammiccare, quasi complici e benevoli; altri assumeranno  l’aspetto di uno sguardo torvo e risentito; altri ancora appariranno tristi e rammaricati; altri, infine,  sembreranno sorvegliarvi. Forse  risveglieranno qualche memoria sopita.
Ricorderete la lunga attesa, di sera sul marciapiede della stazione, e l’improvviso apparire dal buio dei due occhi luminosi e penetranti di un locomotore. Ricorderete i riflessi del sole sulle lenti nere di un vecchio suonatore di clarinetto lungo la ripida discesa che portava alla villa comunale. Ricorderete il luccichio di  frammentati di sole  nei residui di pioggia sulla strada percorsa da scuola a casa saltando con allegria tra le pozzanghere. Ricorderete gli occhiali di un arcigno e antipatico  professore universitario dietro i quali le pupille erano solo immaginabili.
Acquisteranno, queste lenti e questi occhi di cristallo, la immobile fissità dello sguardo di chi è concentrato  con trasporto nella lettura, di chi osserva con attenzione la reazione alchemica in corso in un alambicco, di chi scruta con teatrale curiosità in una sfera di cristallo, di chi controlla con severità complicati pannelli elettronici.
Non guarderete, ma sarete guardati a vista..."
Dalla Prefazione di Mauro Giancaspro    

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.