I LUOGHI INCANTATI DELLA SIRENA - Isabella Valente

I_Luoghi_Incantati_della_Sirena_pAutore: Isabella Valente
Titolo: I luoghi incantati della sirena
Sottotitolo: Immagini del golfo di Napoli e della costa d'Amalfi nella pittura napoletana dell'800.
Descrizione: Edizione in formato 4° (cm 28 x 24,5); 192 pagine; molte illustrazioni a colori
Luogo, Editore, data: Sorrento (NA), Franco Di Mauro
ISBN: 97888 87365788
Prezzo: Euro 65,00
Disponibilita': In commercio

II volume riunisce oltre duecento immagini di splendidi dipinti di paesaggio, dedicati ai luoghi incantati del golfo di Napoli, Capri, Ischia. Procida, e alle perle di quello di Salerno, Amalfi, Positano, Sorrento, Atrani; non mancano, inoltre, vedute della citta' che flessuosamente si allunga nel mare come un'incantevole sirena , come la vide l'architetto Ettore Bemich.



Guardando queste immagini è possibile scorrere la storia del paesaggio napoletano del secolo XIX attraversato da grandi rivoluzioni.

Il saggio che precede il corpus delle opere è una riflessione su questa storia della quale ripercorre le tappe fondamentali: dall'eredita' tardo-settecentesca della veduta e del paesaggio descrittivo di memoria hackertiana, ai primi contatti col vero, alla Scuola di Posillipo, all'apertura verso un nuovo modo di vedere pronunciato da Filippo Palizzi, alle eminenti personalita' presenti a Napoli nella prima meta' del secolo, compresa la colonia dei pittori stranieri.

Questa riflessione continua analizzando i mutamenti avvenuti dopo l'Unita' d'Italia, la consapevolezza severa del vero dei pittori della Scuola di Resina e di quelli che, all'opposto, tendevano al preziosismo della pittura spagnola di Mariano Fortuny, fino alla germinazione di nuove idee che costituiranno gli ultimi vent'anni del secolo e al nuovo modo di intendere la natura al passaggio al Novecento.

Sicuramente alla base della pittura di realta' concorsero proprio le novita' apportate dalla pittura di paesaggio, che a Napoli nel decennio Sessanta-Settanta si percepiva come di grande modernita'; ma gia' nella prima meta' del secolo si era vissuta la grande esperienza della Scuola di Posillipo, che rimane ancora un unicum nella storia del paesaggio italiano. Il volume presenta molti dipinti inediti, altri assenti agli studi da parecchio tempo, frutto di recenti ritrovamenti.

Un ruolo importante è svolto dal collezionismo che per tutto il secolo è stato parte attiva sia nel recepire ed accettare le trasformazioni dettate dagli artisti, sia nel condizionare le loro scelte. Il motivo della dispersione delle opere nelle varie citta' del mondo risiede anche in questo: infatti, centrale è stata la figura del mercante Goupil e della sua Maison parigina, che acquistando le opere dei napoletani che prediligeva, e garantendosi spesso una produzione esclusiva sorvegliata da contratto, indirizzò gli orientamenti del collezionismo europeo e nordamericano.

Anche per questo motivo, in assenza di un museo dell'Ottocento napoletano, questo volume si propone come una sorta di galleria virtuale dove poter ammirare insieme i paesaggi napoletani piu' belli e quelli piu' interessanti dell'intero corso del XIX secolo.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.