TEODORO DUCLERE. Disegni e dipinti dell’Italia meridionale nelle collezioni Correale - Luisa Martorelli, Mario Russo, Andrea Fienga

libreria neapolisCuratori: Luisa Martorelli, Mario Russo, Andrea Fienga
Titolo: Teodoro Duclère 1812-1869
Sottotitolo: Disegni e dipinti dell’Italia meridionale nelle collezioni Correale
Catalogo di mostra di Sorrento, 28 settembre 2013 - 20 aprile 2014
Descrizione: Volume in formato 4°; 352 pagine;  illustrazioni a colori
Luogo, Editore, data: Monghidoro (BO), Con-fine Edizioni, 2013
ISBN: 9788896427460
Prezzo: Euro 40,00
Disponibilità: In commercio

Viene presentata per la prima volta in questo catalogo la collezione completa di disegni e dipinti, conservati nel Museo Correale, del  paesaggista Teodoro Duclère (Napoli 1812-1869), allievo di Anton Sminck Pitloo (Arnhem 1790 - Napoli 1837) e uno dei massimi esponenti della ‘Scuola di Posillipo’. 354 disegni e 30 dipinti (raccolti da Pompeo Correale, allievo di Duclère dal 1858) che illustrano luoghi e monumenti dell’Italia Meridionale. Il catalogo inizia dall’estremo sud (Sicilia e regioni meridionali) e, attraverso la Campania, si conclude con il Lazio e l’Abruzzo. La Sicilia con le sue città principali e monumenti occupa una parte cospicua della raccolta (83 disegni e 7 dipinti a olio). Quindici disegni si riferiscono alle estreme regioni meridionali. La Campania (e isole pertinenti), percorsa in lungo e in largo dall’artista, è rappresentata in ben 200 disegni e 23 dipinti. Sette disegni infine riguardano il Lazio e l’Abruzzo. La raccolta si completa con trentasette disegni di costumi regionali tra cui sono presenti alcuni rivoluzionari palermitani del 1848 e, tra essi, il famoso Vito Miceli.

Molto significativi a livello documentario appaiono in particolare alcuni disegni che rappresentano monumenti scomparsi per abbandono o demolizione (es. Taormina: porte urbiche; Sorrento: abbazie di S. Renato e di S. Pietro a Crapolla; Gragnano: chiesa di Sant’Aniello alle Franche), per eventi sismici (terremoto di Messina del 1908, e di Melfi 1851), per ristrutturazioni urbanistiche (Napoli: Fosse del grano a Costantinopoli) o trasformazioni tali da renderli irriconoscibili (es. la fontana di fronte alla Zisa a Palermo).

Questo catalogo, oltre a rappresentare un utile strumento di lavoro per gli studiosi di vedutismo dell’Ottocento, offre agli appassionati e ai collezionisti di questa forma d’arte un volume che li condurrà in un sorprendente ideale ‘Grand Tour’ attraverso l’Italia Meridionale.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.